Gli orsi polari che passeggiano a Novaya Zemlya

Le notizie sulla “invasione di orsi polari” a Novaya Zemlya in Russia sono state inevitabilmente pubblicate dai media come conseguenza dei cambiamenti climatici:

  

 Tuttavia, gli esperti locali capiscono meglio il vero motivo, come rivela l’osservatore di Barents:

Immagine

Questa storia potrebbe benissimo essere intitolata: «Quando internet è arrivata a Novaya Zemlya».

La gente del posto ha iniziato a pubblicare foto e video degli oltre 50 orsi polari nel loro quartiere. Nell’ultima settimana, i social media e i giornali online sono impazziti per le notizie provenienti da una delle città più remote del pianeta, l’insediamento militare chiuso di Belushaya Guba.

La piccola città dell’Arcipelago Artico russo è stata alle prese con orsi polari che camminano per le strade e agli angoli degli appartamenti e degli uffici. Anche a piedi da un passeggino all’interno di un ingresso, uno degli spettacoli di videoregistrazione .

Belushya_Guba_on_map_of_Novaya_Zemlya_SM wikipedia

Le autorità regionali hanno dichiarato lo stato di emergenza dopo che gli orsi non reagiscono più al rumore e ai segnali luminosi dalle guardie che cercano di spaventarli.

Belushaya Guba, come l’intera Novaya Zemlya, è chiusa nell’area militare. La base aerea di recente ristrutturazione di Rogachevo si trova a pochi chilometri fuori città.

Ma perché gli orsi non vogliono lasciare l’insediamento? Come riportato in precedenza dal Barents Observer, il mar di Kara al largo della costa orientale di Novaya Zemlya questo inverno é pieno di ghiaccio alla deriva.

Ora, sembra che lo spreco di cibo umano abbia un ruolo molto più centrale nella storia rispetto al solo riscaldamento dell’Artico.

Ma prima uno sguardo ai molti media, incluso il Barents Observer , che la scorsa settimana è balzato alle conclusioni che indicano i cambiamenti climatici quando le storie sugli orsi polari sono nei guai, o che creano problemi, e queste storie sono arrivate alle redazioni globali razie ad internet.

Il portale del blog Polar Bear Science ha mandato molti link ai tanti giornali che riportano le immagini sensazionali di Novaya Zemlya.

Il Guardian scrive «Questi orsi polari in un condominio russo rivelano la crisi climatica». Il Washington Post scrive sotto il titolo «Una ‘invasione di massa’ di orsi polari sta terrorizzando una città insulare. Il cambiamento climatico è da condannare »e la CBC fa una conclusione simile sottolineando nel suo articolo« La città artica russa invasa dagli orsi polari, i cambiamenti climatici incolpati ».

Mats Forsberg ha navigato in spedizioni dal 1982 e ha assistito in produzioni televisive sugli orsi polari nell’Artico. Ha una conoscenza di prima mano sul comportamento degli orsi polari.

«Questi orsi sono ben nutriti», dice al Barents Observer dopo aver esaminato alcuni dei video.

«Direi che questi orsi non gironzolano per le case a causa dei cambiamenti climatici. Hanno un’enorme quantità di cibo scaricata nella natura dagli umani », dice Forsberg e conclude:« Questo è un problema creato dall’uomo in loco ». Insomma il problema é la spazzatura umana.

Alcuni dei video pubblicati dai residenti locali su Vkontakte mostrano come decine di orsi polari stanno mangiando immondizie nella discarica locale di Belushaya Guba. Gli orsi sembrano davvero grassi.

Valutando i resoconti dei media, conclude il blog Polar Bear Science . «Il problema è attribuito al riscaldamento globale, ma come spesso accade, questa affermazione non regge al controllo.»

Quindi abbiamo scoperto che gli orsi preferiscono cenare in discarica.

Belushaya Guba garbage dump_Daily Mail_11 Feb 2019

Il blog è gestito da Susan Crockford, zoologa con oltre 35 anni di esperienza, tra cui lavori pubblicati sulla storia dell’Oloca degli animali artici.

https://thebarentsobserver.com/en/ecology/2019/02/well-fed-polar-bears-are-are-not-stuck-novaya-zemlya-due-climate-change-expert-says

Ma andiamo in poco piú a fondo su questa storia.

Per prima cosa guardiamo l’andamento della temperatura su Novaya Zemlya:

https://data.giss.nasa.gov/tmp/gistemp/STATIONS/tmp_222207440000_5_0_1/station.png

https://data.giss.nasa.gov/cgi-bin/gistemp/stdata_show.cgi?id=222207440000&dt=1&ds=5

Secondo il GISS, c’è poca tendenza e le temperature sono state altrettanto alte negli anni ’30 e ’40, e anche nei primi anni del 1900, quando c’erano molti orsi polari ma non internet.

L’attrazione delle discariche per gli orsi polari poi non è certo nuova. Il New York Times riportò esattamente lo stesso accadimento a Churchill, Manitoba nel 1971:

Immagine

OTTAWA, 20 nov. – Il mese scorso, 24 orsi polari sono stati fatti uscire dalla città di Churchill, nel Manitoba, al costo di circa $ 400 ciascuno in una operazione di salvataggio molto pubblicizzata.

Due degli orsi peró sono tornati in città questa settimana e, secondo i funzionari di Ottawa, è solo una questione di tempo prima che gli altri seguano.

I 24 orsi erano stati trasportati in un punto isolato sulla Baia di Hudson, ad est di Churchill, dove si pensava che avrebbero potuto fare il loro ciclo invernale andando a caccia indisturbati. I due animali sono tornati in circa 15 giorni, il che significa che hanno fatto una media di 20 miglia al giorno. Poiché gli orsi polari in condizioni di migrazione normale coprono non più di cinque miglia al giorno, gli uomini della fauna selvatica ipotizzano che i premi cibari della discarica di Churchill possano aver stimolato l’istinto naturale degli orsi.

Le discariche di Churchill e del vicino Fort Churchill, un’installazione militare, sono diventate felici riserve di caccia per gli orsi artici. I cittadini, infastiditi dagli orsi che vagavano per le loro strade, avevano pensato che fosse meglio, più facile ed economico spostare gli animali che le discariche.

AG Loughrey, vice rettore del Canadian Wild Life Service di Ottawa, ha detto a un giornalista che a livello globale l’orso polare è in pericolo di estinzione. Ma questo non sembra essere il caso nella zona di Churchill. Su un recente volo intorno a Churchill, una città portuale sulla Baia di Hudson, a 1.200 miglia a nord di Ottawa, Howard ha individuato da 50 a 60 animali in un’area e 160 nei pressi di Cape Churchill.

https://www.nytimes.com/1971/11/21/archives/polar-bears-airlifted-out-return-because-they-love-the-dump.html

Ricordo che questa ultima storia raccontata é del 1971!!!

Le attrazioni dei pasti pronti giù alla discarica erano così grandi, che gli orsi erano felici di percorrere 300 miglia per arrivare in città… E gli orsi bianchi canadesi non sono cosí di gusti differenti degli orsi bianchi russi.

Sand-rio

Hatena Bookmark - Gli orsi polari che passeggiano a Novaya Zemlya
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

4 pensieri su “Gli orsi polari che passeggiano a Novaya Zemlya

  1. Anche a Yellowstone gli orsi rubano i cestini dei pranzi al sacco dei visitatori.
    Oggi ai giardini pubblici ho visto una vecchia circondata da piccioni.
    Chissà perché…
    Cambiamento climatico sicuramente.

      (Quote)  (Reply)

  2. Anche molte specie di uccelli, animali frugivori per eccellenza, non migrano più. Trovano abbondanza di cibo anche in inverno, ma anche tanti rifugi più caldi grazie alle vaste isole di calore cittadine. E fateci caso, perfino lungo le autostrade, non si spaventano più di nulla. Ma dopotutto, anche questo è colpa dei cambiamenti…. Ambientali generati dall’uomo.

      (Quote)  (Reply)

  3. Gli orsi polari si sono salvati grazie alla Golia Bianca. Tutti lo sanno.
    Ora danno fastidio?
    Ma dei cinghiali e dei lupi che girovagano nelle nostre città, nessuno ne parla?

      (Quote)  (Reply)

  4. Pois é Sand, parece ser mais fácil “encaixar” o fato na AGW, que buscar a verdade, como sempre…
    Parece que eu vou ter que aprender um pouco de italiano…
    Abraços

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.