CO2 VS. H2O (Vapore d´acqua)

Gas a effetto serra

Il sole fornisce il riscaldamento del pianeta Terra attraverso la radiazione solare in varie lunghezze d’onda. L’energia viene ri-irradiata dalla superficie terrestre verso lo spazio esterno, fornendo raffreddamento. La radiazione entrante del Sole è compresa nell’intervallo di lunghezze d’onda visibili e vicine all’infrarosso. La radiazione uscente della Terra si trova nello spettro di lunghezza d’onda medio e lungo dell’infrarosso.

I gas a effetto serra forniscono l’effetto serra inibendo il raffreddamento riducendo la radiazione infrarossa in uscita. La radiazione di lunghezza d’onda più corta passa relativamente senza ostacoli dai gas serra per riscaldare la Terra. La Terra re-irradia l’energia nelle radiazioni a onda più lunga  che viene assorbita e riattivata dai gas serra, causando il riscaldamento atmosferico. (I fotoni possono essere re-irradiati in qualsiasi direzione dalla molecola del gas serra, riducendo il raffreddamento se riattivati ​​verso la Terra.)

I gas serra più importanti nell’atmosfera terrestre includono vapore acqueo (H 2 O), anidride carbonica (CO 2 ), metano (CH 4 ), protossido di azoto (N 2 O), ozono (O 3 ) e clorofluorocarburi (CFC) . Il vapore acqueo è di gran lunga il gas serra più significativo a causa della sua relativa abbondanza nell’atmosfera. La CO2 è solo lo 0,04% dell’atmosfera, mentre l’H2O varia regionalmente dallo 0,01 al 4% dell’atmosfera.

La seguente figura mostra spettri di lunghezza d’onda per radiazione solare verso il basso, radiazione termica verso l’alto e spettri di assorbimento per i gas serra. (Wikipedia).

File:Atmospheric Transmission.png

Zoomando una porzione del grafico sopra della radiazione uscente (sotto) possiamo vedere che le lunghezze d’onda assorbite dalla CO2 sono una piccola parte delle possibili lunghezze d’onda di emissione e si sovrappongono con il vapore acqueo (indicato nella casella del riquadro rosso).

Un’altra vista delle informazioni di cui sopra (Wikipedia) mostra come le lunghezze d’onda potenzialmente assorbite dalla CO2 siano per lo più coperte dal vapore acqueo.La casella del riquadro rosso indica l’area della lunghezza d’onda che può essere influenzata dalla CO2.

Data la piccola larghezza di banda occupata dalla CO2 rispetto alla larghezza di banda della radiazione in uscita, insieme alla copertura della maggior parte di questa stessa larghezza di banda di CO2 da parte di H2O, l’influenza della CO2 non può essere di per sé molto significativa. L’H2O è molto più prevalente nell’atmosfera rispetto alla CO2 (anche se il vapore acqueo varia in modo più significativo a livello regionale).Quindi il vapore acqueo è di gran lunga il principale gas serra che mantiene l’atmosfera calda.Ciò riduce l’effetto che la CO2 può avere sul riscaldamento poiché le lunghezze d’onda interessate dalla CO2 si sovrappongono all’H2O più abbondante.

Aumento dei gas serra

La relazione tra CO2 e aumento della temperatura è stata dimostrata in esperimenti di laboratorio e si è dimostrata una relazione logaritmica, ovvero si deve continuare a raddoppiare la concentrazione per ottenere lo stesso incremento di riscaldamento. Questo  in assenza di vapore acqueo. Quando è presente l’H2O, l’effetto dell’aumento di CO2 è ridotto.

L’effetto del raddoppio della CO2 è stato stimato in circa 0,7 C°. Tuttavia ciò non tiene conto della presenza di altri gas a effetto serra (GHG). Il vapore acqueo è il gas serra più diffuso e l’effetto dell’aumento di CO2 dipende dalla quantità relativa di gas serra non CO2. Pertanto, in condizioni atmosferiche umide, la CO2 non contribuisce al riscaldamento, mentre può contribuire maggiormente nelle regioni aride dell’atmosfera, come i deserti e i poli nord e sud.

Come risultato dell’effetto logaritmico dell’aumento del GHG, il raddoppio della CO2 atmosferica da 300 a 600 ppm non ha praticamente alcun effetto sulla prevenzione delle radiazioni in uscita perché è un componente molto piccolo rispetto al vapore acqueo, come mostrato nella seguente figura [ http: //en.wikipedia.org/wiki/Radiative_forcing ]

File: ModtranRadiativeForcingDoubleCO2.png

L’unico modo in cui i modelli climatici possono ottenere un riscaldamento significativo dall’aumento di CO2 è attraverso un meccanismo di feedback positivo teorico che aumenta il vapore acqueo.

Richard Lindzen (professore di scienze atmosferiche in pensione al MIT) afferma: ” C’è un controllo molto più fondamentale e inequivocabile del ruolo dei feedback nel miglioramento del riscaldamento delle serre che mostra anche che tutti i modelli stanno esagerando notevolmente la sensibilità al clima . Qui, si deve notare che l’effetto serra opera inibendo il raffreddamento del clima riducendo la radiazione uscente netta. Tuttavia, il contributo dell’aumento di CO2 da solo non porta, infatti, a molto riscaldamento (circa 1 ° C per ogni raddoppio di CO2). Le previsioni più ampie dei modelli climatici sono dovute al fatto che, all’interno di questi modelli, le più importanti sostanze a effetto serra, il vapore acqueo e le nuvole, agiscono per amplificare enormemente la CO2 . Questo è indicato come un feedback positivo. Ciò significa che gli aumenti della temperatura superficiale sono accompagnati da riduzioni delle radiazioni nette in uscita, migliorando così il riscaldamento della serra. … Le osservazioni satellitari del budget di radiazione terrestre ci permettono di determinare se tale riduzione, di fatto, accompagna l’aumento della temperatura superficiale in natura. A quanto pare, i dati satellitari dello strumento ERBE (Barkstrom, 1984, Wong et al, 2006) mostrano che il feedback in natura è fortemente negativo – riducendo fortemente l’effetto diretto della CO2 (Lindzen e Choi, 2009) in profondo in contrasto con il comportamento del modello . “[ Http://www.quadrant.org.au/blogs/doomed-planet/2009/07/resisting-climate-hysteria ]

La seguente figura è tratta da uno studio di Gray e Schwartz (“L’ASSOCIAZIONE DELLE RADIAZIONI IN USCITA CON VARIAZIONI DI PRECIPITAZIONE – IMPLICAZIONI PER IL RISCALDAMENTO GLOBALE”) [ http://climaterealists.com/attachments/ftp/AMS-Final5-10.pdf via http://climaterealists.com/index.php?id=5668 ]

 

Lo studio afferma: ” Le misurazioni di cui sopra sono in contrasto con le simulazioni del Global Climate Model (GCM) di precipitazione associate all’aumento delle quantità di CO2. … Scopriamo che con l’aumentare delle precipitazioni non c’è una riduzione delle radiazioni nette globali nello spazio, come hanno supposto la maggior parte dei modelli climatici. C’è un debole miglioramento delle radiazioni nello spazio con aumento delle precipitazioni. Non troviamo alcun feedback positivo sul vapore acqueo . … i nuovi modelli climatici stanno facendo le stesse false ipotesi riguardo al feedback del vapore acqueo che è stato fatto dai modellisti globali di 15-20 anni fa . ”

La figura seguente è dello stesso studio.

Un rapporto del febbraio 2010 (“C’è un feedback mancante per le nuvole basse nei modelli climatici attuali?”, Graeme Stephens, Atmospheric Sciences, CSU [ http://www.gewex.org/gewex-content/files_mf/1432209023Feb2010.pdf ] afferma: “I feedback radiativi che coinvolgono nuvole di basso livello sono una causa primaria di incertezza nelle proiezioni del modello climatico globale: il feedback nei modelli non è solo incerto in termini di grandezza, ma anche il suo segno varia attraverso i modelli climatici … Questo bias delle nuvole basse che riflette la luce solare e ha implicazioni significative per il  problema di feedback primitivo. La conseguenza è che questa polarizzazione sopprime artificialmente il feedback di profondità ottica  delle nuvole basse nei modelli di quasi un fattore quattro e quindi il suo potenziale ruolo come feedback negativo.

L’American Chemical Society dice:

https://www.acs.org/content/acs/en/climatescience/climatesciencenarratives/its-water-vapor-not-the-co2.html

I media mainstream sostengono che il cambiamento climatico con la CO2 come causa è ‘Settled Science’. Veramente????. L’evidenza non supporta decisamente il ruolo della CO2 nell’influenzare il clima.

 

 Il NOAA era solito dire che la CO2 non fa nulla

Prima dell’amministrazione Obama, NOAA aveva una pagina web “Lezione di apprendimento” “Weather School” con un esperimento di CO2 (è stata rimossa nel 2009 ma può ancora essere visualizzata su: [ http://web.archive.org/web/20060129154229 /http://www.srh.noaa.gov/srh/jetstream/atmos/ll_gas.htm ]). La pagina web è mostrata sotto (originariamente su: [ http://www.srh.noaa.gov/srh/jetstream/atmos/ll_gas.htm ] – rimossa sotto l’amministrazione Obama nel novembre 2009) [Evidenziazione rossa aggiunta.]

NOAA era corretto – La CO2 davvero non fa nulla

Prima del takedown di Obama del 2009, il NOAA aveva ragione. Da quanto sopra: ” Mentre il biossido di carbonio nell’atmosfera è aumentato negli ultimi 100 anni, non ci sono prove che stia causando un aumento delle temperature . ”

Nel 1988 James Hansen (NASA GISS) pubblicò le previsioni dei modelli climatici basati sulla CO2. Ha fornito previsioni basate su tre scenari di CO2: A: continuazione delle emissioni di CO2 (“business as usual”), B: riduzione delle emissioni di CO2, C: drastica riduzione delle emissioni, quindi non c’è aumento di CO2 atmosferica dopo il 2000.

La seguente figura mette a confronto le emissioni effettive di CO2 con i tre scenari di Hansen.

https://manicbeancounter.com/2018/07/01/hansen-et-al-1988-global-warming-predictions-30-years-on/

Nei 30 anni trascorsi dalle previsioni di Hansen, la CO2 ha effettivamente seguito le emissioni dello scenario A molto da vicino.

La temperatura peró è un’altra storia, comunque.

La figura sottostante confronta le previsioni di temperatura di Hansen con il record di temperatura basato su satellite. Le temperature reali si avvicinano maggiormente allo scenario C – drasticamente ridotta CO2.

https://realclimatescience.com/2019/01/temperatures-following-hansens-zero-emissions-scenario

Un confronto di temperatura simile è stato fatto nel 2013, confrontando le previsioni di Hansen con i set di dati della temperatura NASA / GISS e HadCRUT:

(Da: https://www.c3headlines.com/2014/01/2013-nasa-hansen-climate-model-prediction-global-warming-reality-those-stubborn-facts.html )

Il risultato è lo stesso – la temperatura agisce come se le emissioni di CO2 non facciano differenza.

Hansen ha fornito la prova che la CO2 non causa un riscaldamento significativo dell’atmosfera.

Per un esame dettagliato del fallimento della previsione di CO2 di Hansen, consultare: https://manicbeancounter.com/2018/07/01/hansen-et-al-1988-global-warming-predictions-30-years-on/

Conclusione

La scienza del clima è ciò che Richard Feynman descrisse come “Cargo Cult Science” – cose che assomigliavano alla scienza ma non seguono il metodo scientifico. https://ipfs.io/ipfs/QmXoypizjW3WknFiJnKLwHCnL72vedxjQkDDP1mXWo6uco/wiki/Cargo_cult_science.html

Metodo scientifico :

il metodo scientifico prevede quattro fasi orientate verso la ricerca della verità:

  1. Osservazione e descrizione di un fenomeno o gruppo di fenomeni.
  2. Formulazione di un’ipotesi per spiegare i fenomeni – di solito sotto forma di un meccanismo causale o di una relazione matematica.
  3. Uso dell’ipotesi per prevedere quantitativamente i risultati di nuove osservazioni (o l’esistenza di altri fenomeni correlati).
  4. Esecuzione di test sperimentali delle predizioni da parte di diversi sperimentatori indipendenti e esperimenti eseguiti correttamente.

Quando i test del passaggio 4 falliscono, rivedere l’ipotesi nel passaggio 3.

Nel Cambiamento climatico:

Fase 1: le temperature sono state osservate in aumento

Step 2: Ipotesi: è a causa della CO2

Fase 3: i modelli climatici sono stati utilizzati per fare previsioni

Fase 4: non è possibile sperimentare direttamente con l’atmosfera, si devono utilizzare le osservazioni future – ora a 30 anni dalle predizioni di Hansen. Hanno ammesso il fallimento o modificato l’ipotesi della CO2? NO! Invece continuano ad aumentare artificialmente le “osservazioni” del passato per abbinare i modelli!

Esistono due tipi fondamentali di attività scientifica:

  1. Scienza teorica – in cui i modelli sono creati sulla base della teoria alla base del fenomeno (in tempi moderni questi sono creati come modelli informatici per generare previsioni). È richiesta la conoscenza del fenomeno sottostante.
  2. Scienza empirica – in cui le osservazioni dei dati vengono analizzate per creare modelli di predizione. È richiesta la conoscenza delle analisi e delle statistiche dei dati.

 

In entrambi i casi, questo rappresenta la fase 2 del metodo scientifico e la scienza non è “completa” fino al passaggio 4.

La scienza del clima si basa su modelli teorici climatici computerizzati e sulla gestione di “scenari” per prevedere il futuro. Quando le osservazioni dal lato empirico non corrispondono ai modelli, cambiano i dati. Questa non è vera scienza, questa é frode.

Questi cosiddetti scienziati non forniranno un test scientifico della loro teoria. Negli anni ’90 hanno detto che se la temperatura non fosse aumentata per 15 anni, ció avrebbe significato che l’ipotesi era falsa. Dopo 17 anni di nessun aumento hanno cambiato quella regola e negato qualsiasi problema con l’ipotesi. Poiché adesso dicono che láumento della CO2 provoca più pioggia e meno pioggia, più neve e meno neve, inverni più caldi e più freddi, ecc. Questo naturalmente non può essere verificato da osservazioni e quindi non è un’ipotesi scientifica.

 

La scienza  è risolta, come pretendono i media mainstream? In realtà, sì, non nel modo in cui i media fasulli lo ritraggono. L’ipotesi della CO2 è stata effettivamente falsificata dalle previsioni di Hansen.

Vedi anche: “Perché il cambiamento climatico non è scienza” https://www.americanthinker.com/articles/2019/01/why_climate_change_isnt_science.html

SAND-RIO

fonte: http://appinsys.com/GlobalWarming/GW_Basics.htm

Hatena Bookmark - CO2 VS. H2O (Vapore d´acqua)
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

4 pensieri su “CO2 VS. H2O (Vapore d´acqua)

  1. Ottimo post.
    Io sono sempre più scioccato delle persone che non si pongono neanche il problema di confrontare le previsioni fatte con la realtà successivamente osservata.
    E dire che sarebbe una cosa semplice, oltre che valida in generale per valutare la bontà di un qualsiasi modello.
    Mala tempora currunt.

      (Quote)  (Reply)

  2. Complimenti per il post, molto interessante ed illuminante.
    La realtà è che il vapor acqueo non è prodotto dall’uomo, quindi non si può obbligare la popolazione a cambiare gli oggetti molto più spesso che qualche anno fa con qualche cosa che ne emette meno.
    L CO2, al contrario, è prodotta da quasi tutto quello che l’uomo ha creato ed utilizza, da qui gli enormi interessi economici e il venire meno del rigore scientifico.

      (Quote)  (Reply)

  3. Non passa giorno senza che i TG non pronuncino la frase “a causa dei cambiamenti climatici….”, è un mantra che si ripete, oramai da mesi e mesi.
    E sequalche luminare (Zichichi, Rubbia, etc) prova ad esprimere il proprio punto di vista scientifico, viene “silenziosamente silenziato”.
    Che dire ?… “Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità.” (Joseph Goebbels).

      (Quote)  (Reply)

  4. free:
    Non passa giorno senza che i TG non pronuncino la frase “a causa dei cambiamenti climatici….”, è un mantra che si ripete, oramai da mesi e mesi.
    E sequalche luminare (Zichichi, Rubbia, etc) prova ad esprimere il proprio punto di vista scientifico, viene “silenziosamente silenziato”.
    Che dire ?… “Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità.” (Joseph Goebbels).

    Purtroppo in merito all’argomento Climate Change la scienza è stata messa da parte in favore della politica.
    Chi ha deciso questo l’ha fatto consapevolmente, noi possiamo limitarci a portare avanti l’idea che il metodo scientifico può e deve essere usato quando si parla di climatologia.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.