31 Maggio 1947 : C’è bisogno di un’agenzia internazionale per fermare la fusione della calotta polare

Articolo ripreso dal quotidiano “The West Australian”

Los Angeles, 30 Maggio 1947

La possibilità di un aumento prodigioso della superficie del mare, con conseguente inondazione diffusa, derivante da un fenomeno climatico nell’artico, è stato discusso ieri dal Dott. Hans Ahlmann, un noto geofisico svedese presso l’Istituto di geofisica dell’Università della California.

Un misterioso riscaldamento del clima si sta lentamente manifestando nell’Artico. Il Dr. Ahlmann fa sapere che, se il ghiaccio dell’Antartico e quello della principale calotta della Groenlandia dovessero ridursi allo stesso tasso della presente fusione dell’Oceano Artico, le acque salirebbero in proporzioni catastrofiche e le persone che vivono nelle pianure lungo le coste verrebbero inondate.

Inoltre il Dr. Ahlmann dice che,

” le temperature nella regione artica sono già aumentate di 10° Fahrenheit dal 1900, un’enormità dal punto di vista scientifico. Le acque della zona Spitsbergen, nello stesso periodo erano salite di 3/5°C e di un livello  di 1/1.5 millimetri ogni anno.”

” Il cambiamento nella regione artica è talmente grave, che mi auguro che il più velocemente possibile, un organismo internazionale possa rapidamente essere formato per studiare e risolvere le gravi condizioni che si stanno creando a livello globale”, ha aggiunto.

Ahlmann sottolinea inoltre che, mentre nel 1910 la stagione navigabile lungo lo Spitsbergen occidentale aveva durata di tre mesi, ora ha una durata di otto mesi.

Fonte : http://stevengoddard.wordpress.com/2013/10/15/1947-shock-news-international-agency-needed-to-stop-polar-meltdown/

Michele

Hatena Bookmark - 31 Maggio 1947 : C’è bisogno di un’agenzia internazionale per fermare la fusione della calotta polare
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

10 pensieri su “31 Maggio 1947 : C’è bisogno di un’agenzia internazionale per fermare la fusione della calotta polare

  1. Il sensazionalismo ha radici antiche, per vendere (bufale) sia allora che oggi.
    Nel medioevo e in epoca romana lo stesso riscaldamento non potè provocare allarme, solo gioia nel vedere estati ed inverni più caldi!
    E’ meglio mangiare bufale campane e non pensare a questi saltimbanchi.

      (Quote)  (Reply)

  2. sbergonz,

    Per i Romani avere il tempo piu’ mite significava avere piu’ cibo dalle coltivazioni e spostamenti piu’ rapidi per le conquiste del nord europa.

      (Quote)  (Reply)

  3. Mi viene il dubbio che quelli dell’IPCC non abbiano neanche fatto lo sforzo di inventare una teoria, ma abbiano copiato articoli di decenni prima, oramai dimenticati.

      (Quote)  (Reply)

  4. ice2020,

    Poi, negli anni 50 e 60, c’è stata una nuova crescita dei ghiacci artici, fino almeno a buona parte degli anni 70. Infine, un nuovo calo. E, presumibilmente, nei prossimi anni/decenni, i ghiacci tenderanno ad espandersi nuovamente, come conseguenza di un graduale raffreddamento.
    Sono tutti fenomeni naturali, sono già accaduti ed accadranno di nuovo.

      (Quote)  (Reply)

  5. Alessandro:
    sbergonz,

    Per i Romani avere il tempo piu’ mite significava avere piu’ cibo dalle coltivazioni e spostamenti piu’ rapidi per le conquiste del nord europa.

    Poi però, nel terzo e quarto secolo dopo Cristo, ci fu un raffreddamento (probabilmente a causa di uno o più grandi minimi solari) con clima più piovoso e ciò contribuì alla crisi dell’Impero.

      (Quote)  (Reply)

  6. quello che piu mi fa andare in rabbia è che queste conferenze climatiche a spasso per il mondo immette gas serra detta da loro responsabili del gw….allora sono consapevoli del disastro che contribuiscono sapendo di mentire fin dall,inizio.
    in pratica ci stanno dicendo che stiamo andando a miami,ma rischiamo di essere scaricati in alaska…impreparati

      (Quote)  (Reply)

  7. con l’aumento esponenziale della popolazione mondiale e il crescente fabbisogno energetico, ora che siamo ancora in condizioni di clima da global warming sarebbe bene pensare a come affrontare il futuro, invece continuano a mentire sapendo di mentire, e quando arriverà il momento delle carestie saranno dolori seri, ma loro avranno fatto abbastanza soldi e saranno contenti lo stesso, mentre milioni di persone saranno private di acqua, cibo, energia.

      (Quote)  (Reply)

  8. dario,

    il brutto è che si combatterà, finendo armi e munizioni si comincerà ad usare spade, poi non sapendo più forgiare l’acciaio si passerà al bronzo poi a bastoni ossa e clave, la casta ignorante della propria estinzione sarà ancora ad orchestrare tutti questi sciagurati….
    senza calendari…nessuno nessuno (o pochi come da 6000 anni accade..si accorgerà ) in questo caso non si accorgerà di essere in una glaciazione… è tutto un ciclo..

    le religioni?
    come spiegare la realtà ad un bambino senza spaventarlo.. la scienza spaventa perché apre le porte … permette allo spirito di volere e percepire sono i sentimenti ad ingannare… la ragione guida l’anima..

    verità quali verità ???
    una particella può essere nello stesso istante su due posizioni differenti qual’è la verità?
    Tocca sempre commentare in questo senso i dinosauri….. è ciclico…

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.