Fukushima, condizioni gravemente peggiorate!

E’ il terzo reattore esploso e la situazione si fa sempre più rischiosa di ora in ora. Gli occhi del Giappone e del mondo intero sono tutti puntati su quel reattore n.2 della centrale di Fukushima-Daiichi e ai rischi di contaminazione radioattiva che ne possono conseguire dalla fusione del nucleo.

Il ministro per la Strategia nazionale giapponese, Koichiro Genba, assicura che «non c’è assolutamente alcun rischio Chernobyl ma dalla Francia, l’Autorità per la sicurezza nucleare, fa sapere che gli incidenti ai reattori nucleari giapponesi dovrebbero essere classificati ad un livello di 5 o di 6 sulla scala internazionale (Chernobil fu classificata al livello 7)

Dopo le deflagrazioni che hanno interessato il reattore n.1 sabato scorso e il n.3 domenica,  ieri sera poco dopo le 6 locali (le 22 di ieri in Italia), è stata udita una nuova esplosione confermata più tardi dal governo giapponese che ha precisato come lo scoppio abbia danneggiato la vasca di condensazione del contenitore del nocciolo. Nei precedenti casi le esplosioni, dovute all’idrogeno, avevano danneggiato o distrutto la gabbia esterna del reattore, ma non il cuore dell’impianto.

http://www.wakeupnews.eu/giappone-nuova-esplosione-alla-centrale-nucleare-di-fukushima/

Video esplosione: http://www.youtube.com/watch?v=W4C3bEs72t8

Stay tuned

Hatena Bookmark - Fukushima, condizioni gravemente peggiorate!
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

286 pensieri su “Fukushima, condizioni gravemente peggiorate!

  1. @edoardo.

    Finalmente ho capito cos’era che non mi tornava, era la concentrazione di U-235 che avevo erroneamente capito essere più alta.
    Grazie per la pazienza 😉

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.