Il Prof. Bardi ed i Diversamente Encefalizzati…

Non è la prima volta che “l’Illustrissimo Professore” suole definire chi non la pensa come il pensiero dominante dell’AGW con epitoti a dir poco coloriti…

Le ultime perle di saggezza sono racchiuse in questo suo ultimo illuminante articolo:

http://ugobardi.blogspot.com/2011/07/unaltra-tegola-che-ci-casca-sulla-testa.html

Riporto testuale:

L’effetto cumulativo del riscaldamento è chiarissimo dalla perdita di ghiaccio in Groenlandia. La tendenza è chiara anche per le temperature atmosferiche, ma negli ultimi 10 anni, circa, l’aumento è stato meno rapido. Questo andamento è stato interpretato da parte di vari diversamente esperti di clima come “prova” che il riscaldamento globale non esiste. Adesso, un recente studio spiega le ragioni del rallentamento e ci fa vedere come siamo in guai ancora peggiori di come potevamo pensare di essere.

Ed ancora:

“Ormai, le tegole climatiche sulla testa ci arrivano tutti i giorni o quasi: dall’esplosione del numero delle meduse nei mari (che hanno anche bloccato delle centrali nucleari) agli eventi meteorologici estremi: incendi, alluvioni, tempeste di sabbia e varie.

L’ultima tegola che ci casca sulla testa è quella riportata in un lavoro recente  pubblicato sul PNAS che descrive come le emissioni di particolato di zolfo generate dalla combustione del carbone in Cina, abbiano parzialmente schermto la radiazione solare e quindi rallentato la crescita delle temperature terrestri negli ultimi 10 anni o giù di li.

Ora, lo so che ci sono persone diversamente encefalizzate, là fuori, che hanno preso questa cosa come una conferma che “il riscaldamento globale si è fermato” e quindi come occasione di gioire. Ahimè, cari diversamente dotati di tessuto neuronale, rendetevi conto che non è decisamente il caso di gioire. Questo studio conferma in pieno tutto quello che sappiamo del riscaldamento globale e ci dice che l’effetto del CO2 come gas serra potrebbe essere anche più forte di quanto non si pensi.”

A primo acchito vi devo confidare che mi è pure scappato un sorriso, ammetto che l’ironia sarcastica del Bardi può essere contagiosa…poi ripensandoci bene, mi sono sentito basito…

Ho pensato all’ Università, a quanti studenti paghino fior fiori di tasse per poter prendere uno straccio di laurea che il più delle volte non consente loro di lavorare…ho pensato alla mia Magnifica Università degli Studi di Bologna, Facoltà di Medicina e Chirurgia, e a quanti altri Professori Bardi ci sarnno sparsi un pò ovunque…a quanti figli dei Baroni che appena laureati entrano in specialità scavalcando chi lo merita più di loro!

Poi ho pensato alla storia della scienza, e a quanti scienziati sono stati eticchettati come eretici semplicemente perchè la pensavano diversamente dal dogma ufficiale.

E mi sono ricordato che molte delle grandi scoperte che l’uomo ha fatto nel corso della sua storia sono state possibili proprio grazie a questi eretici!

Quanti geni sono stati bistrattati dai cosidetti portatori di verità assoluta?

Ciechi, avidi, incollati alle proprie cattedre, mentre il mondo andava avanti, loro sapevano solo distruggere chi osava contraddire la loro unica fede!

Siamo proprio messi male se siamo costretti pure a pagare delle tasse (salate) per mandare i nostri figli a studiare in queste Università, dove un docente si permette di definire come diversamente encefalizzati chi semplicemente si permette di non credere, di porsi delle domande, di ricercare altre cause.

Arrivati a questo punto, io NON CI STO!

Io dico no alle lobby della compravendita delle quote di CO2, io dico no al Climate Gate (anzi me ne vergogno assai!), io dico no a questi professori che in nome di un dogma fideistico si permottono di insultare ed infamare altri scienziati…io dico no al Narcisistico pensiero di sentirsi i fautori della Verità assoluta, nascosti dietro una Cattedra che il più delle volte manco si meritano!

Carissimo Prof Bardi, un consiglio (e qui prendo spunto da un nostro utente):

la prossima volta che scrive un articolo, si sciacqui la bocca, proprio Lei che dovrebbe essere d’esempio, anzi caro Professore, si compri un bel Aspiratore, per eliminare tutta questa CO2 che evidentemente non fa molto bene al suo cervello diversamente dotato…

Simon

Hatena Bookmark - Il Prof. Bardi ed i Diversamente Encefalizzati…
Share on Facebook
Post to Google Buzz
Bookmark this on Yahoo Bookmark
Bookmark this on Livedoor Clip
Share on FriendFeed

85 pensieri su “Il Prof. Bardi ed i Diversamente Encefalizzati…

  1. @nitopi
    Per quello che ne so, le reazioni nucleari a bassa energia sono una realtà oramai verificata, non da ricercatori privati, ma da enti di ricerca ufficiali, anche se la teoria non è ancora completamente scritta. Del resto una fisica cui sfugge il 75% della massa-energia dell’universo per far tornare i propri conti non può pontificare assolutamente.

  2. come mai nelle zone industriali non ci sono aumenti di decine di gradi?

    perchè la co2 non aumenta nessuna temperatura..

    ho avuto modo di vedere cosa provoca in serra una saturazione dei livelli di co2

    ho visto piantine diventare dei baobab con velocità impressionante.. , certo lo scambio di sostanze con il terreno si è modificato, il consumo di azoto nella fase vegetativa è aumentato a dismisura, ma perchè la pianta ha quintuplicato il suo metabolismo e quindi “consuma di più” ma la risposta è stata immediata!

    quindi anche se la deforestazione ha tolto un pò di verde, la cosa non cambia, con un piccolo aumento della concentrazione di co2 la risposta del verde è immediata..se ci fosse un botanico vi confermerebbe questa cosa..

    è stata una favola raccontata ad arte sfruttando l’ignoranza di massa..
    come dice bernardo, quanto è utile al sistema potere, l’ignoranza..

    per quanto riguarda le reazioni del “prof” rimango sempre più convinto che il suo delirio è artificiale.. se così non fosse sarebbe da manicomio..

  3. A conferma di quanto riportato da Alessandro, vi riporto qui una testimonianza di amici che per lavoro si occupano, beati loro, di esplorazioni geografiche.
    Stavano risalendo uno dei fiumi piu’ impervi dell’Amazzonia brasiliana. Il fiume non e’ molto comodo ma si risaliva comunque con le loro tipiche canoe… nelle quali ci vanno 4 o 5 persone e sono dotate di un motore fuoribordo appena sufficiente a spingerle in avanti controcorrente. Alla bisogna l’imbarcazione viene sollevata a mano e trasportata via terra per il tratto non navigabile (e ce ne sono parecchi).
    Arrivati ai piedi di un Tepui… ovvero una di quelle montagne in quarzite, squadrate, che svettano per migliaia di metri al di sopra della foresta, hanno fatto il campo lungo le rive del fiume…. zona infestata di zanzare in quanto al di sotto della foresta amazzonica dove, in quel punto, e’ formata da alberi ad alto fusto (anche 50 metri).
    Temperatura e umidita’ sono proibitive per chiunque non ci sia abituato.
    Dopo una prima notte di riposo hanno iniziato a trasferire il campo sulla sommita’ del tepui… sede della loro spedizione.
    Il percorso misurava in totale meno di 4 km… con 1.3 km di dislivello da fare in arrampicata (facile ma con la corda di sicurezza).
    Il percorso dal fiume alla parete rocciosa era quindi inferiore ai 3 km.
    Ad aprire la strada c’erano 2 “macheteros”, ovvero degli indios abilissimi nell’usare quell’arnese che in amazzonia e’ di vitale importanza.
    Al mattino aprivano la strada per permettere alla spedizione di raggiungere la parete di roccia e quindi la sommita’ della stessa… e alla sera…. RIAPRIVANO la strada per raggiungere il campo base lungo la riva del fiume. Nel giro di 8-10 ore, la foresta si era impossessata nuovamente della strada andando a riformare una cortina di verde impenetrabile come se non ci fosse mai passato nessuno. Straordinario!

    Questa e’ la potenza della Natura. Una natura che con la giusta umidita’, la giusta temperatura, e la giusta quantita’ di CO2, ha ricoperto l’intero pianeta di un verde maniacale e impenetrabile. Fino a quando qualcosa o qualcuno non e’ arrivato a far danni!

  4. ice2020 :

    apuano70 :
    Il Prof.Bardi si è risentito, come puntualmente aveva pronosticato Fabio Nintendo:
    http://ugobardi.blogspot.com/2011/07/tempi-duri-per-la-scienza.html#comments
    Bruno

    Cioè, leggete l’ultimo delirio del professore:
    “E poiché hanno disprezzato la conoscenza di Dio, Dio li ha abbandonati in balìa d’una intelligenza depravata, sicché commettono ciò che è indegno, colmi come sono di ogni sorta di ingiustizia, di malvagità, di cupidigia, di malizia; pieni d’invidia, di omicidio, di rivalità, di frodi, di malignità; diffamatori, maldicenti, nemici di Dio, oltraggiosi, superbi, fanfaroni, ingegnosi nel male, ribelli ai genitori, insensati, sleali, senza cuore, senza misericordia.”
    Cavolo, la cosa è molto più grave di quanto pensassi…

    ….azz… ci siamo messi nientepocodimenoche contro al “Grande Capo”…e mo son cavoli nostri!! (non c’è limite alla stupidità umana, chi aveva detto che “la madre degli …..è sempre incinta?)

  5. va bene ragazzi, penso che questo articolo abbia ormai centrato il segno, qualora ce ne fosse bisogno abbiamo capito con che essere diversamente encefalizzato (LUI!) abbiamo a che fare…

    sinceramente voglio sperare che i suoi deliri siano calcolati, e che quindi lo faccia apposta, altrimenti sarebbe una persona molto pericolosa e bisognosa d’aiuto…

    il problema però è che ci sn dei veramente diversamente encefalizzati che l’ascoltano (altrochè effetto Cassnadra!), quindi di danni ne sta facendo a iosa…

    Non ci curiamo di loro, ma passiamo ed andiamo avanti!

    Commenti chiusi.

    Simon

I commenti sono chiusi.