Ghiacci Marini Antartici – Situazione Marzo 2012

State pur certi che nessuno vi darà notizie sui Ghiacci Antartici finché saranno in buona salute

 

NB: durante la stagione estiva l’estensione dei ghiacci antartici si riduce di molto ed il grafico delle anomalie percentuali risulta più ballerino per via del fatto che non sono anomalie assolute

 

Estensione:

 

 

Anomalia Concentrazione:

 

 

Area:

 

 

Trend Anomalia Estensione:

 

 

Curiosità:

Rispetto a 10 anni fa abbiamo 1.1milioni di kmq di estensione in più e 0.5 in più di area.

Rispetto a 20 anni fa abbiamo 0.9milioni di kmq di estensione in più e 0.4 in più di area.

Rispetto a 30 anni fa abbiamo 0.2milioni di kmq di estensione in più e 0.1 in più di area.

 

 

Fabio Nintendo

Hatena Bookmark - Ghiacci Marini Antartici – Situazione Marzo 2012
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

10 pensieri su “Ghiacci Marini Antartici – Situazione Marzo 2012

  1. ma in questo momento come stanno? ho sentito fino a poche settimane fa che avevano superato la tendenza del 90. ora?

      (Quote)  (Reply)

  2. @Donato
    perchè se non sbaglio NAO+ ha favorito un vortice polare forte e duraturo con il recupero dei ghiacci. ora sta passando in negativo e si vede dalle pertubazioni arrivate in questi giorni

      (Quote)  (Reply)

  3. I ghiacci antartici in questi ultimi due anni sono sempre stati in linea con la media trentennale. Del 2011 si può dire che la formazione dei ghiacci é partita in ritardo mentre la riduzione é stata più lenta ovvero il massimo del 2011 é stato leggermente sotto media mentre il minimo del 2012 ha mostrato un leggero eccesso. Vedremo se l’ eredità lasciata dal 2011 servirà al 2012 per rimanere sopra la media, io credo di sì se il massimo del 2012 sarà raggiunto prima degli anni scorsi probabilmente l’ emisfero sud mostrerà chiaramente il suo raffreddamento.

    Io credo che seguiremo l’ andamento del 2010. Se davvero il sole regola e modula le dimensioni calotte polari, il massimo solare sembra esserci già stato e ha causato il momentaneo rallentamento nella crescita dei ghiacci durante l’ ultimo inverno australe. Forse da qui in poi lo sviluppo della banchisa a ritmi mai visti in quest’ultimo decennio. 🙂

      (Quote)  (Reply)

  4. alessandro1 :
    @Donato
    perchè se non sbaglio NAO+ ha favorito un vortice polare forte e duraturo con il recupero dei ghiacci. ora sta passando in negativo e si vede dalle pertubazioni arrivate in questi giorni

    alessandro l’articolo riguarda l’antartico…il polo sud…non l’artico-polo nord 😀

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.