Archivi categoria: NINO

Da El Nino a El Nino … nessun riscaldamento globale

La Terra ha sperimentato recentemente due super eventi El Nino : nel 1997/1998 e nel 2015/2016. Dopo tutto questo ci si aspettava che il 2016 doveva essere l’anno più caldo da quando si registrano le temperature satellitari dal 1979. Tuttavia, l’incremento è stato di soli 0,02 °C nel corso del 1998. Questo non è statisticamente significativo secondo il dottor Roy Spencer, analizzando i dati del sistema satellitare UAH . (Il margine di errore è di 0,1 ° C, molto maggiore della differenza tra gli anni El Nino.) Il grafico sopra mostra i risultati UAH. Un’analisi satellitare separata dal Remote Sensing Systems (RSS) è giunta alla stessa conclusione.

I satelliti misurano la temperatura della troposfera inferiore, la nostra porzione di atmosfera. Queste misure forniscono un quadro più realistico della temperatura globale di quanto non facciano misure di superficie. Essenzialmente, la temperatura globale ora è la stessa come era circa 18 anni fa.

Il precedente El Nino ha avuto un forte crollo, seguito da un forte raffreddamento con l’evento della La Nina. La Nina tra il 2016/2017 sembra aver avuto inizio a metà del dicembre 2016, ed è quindi logico aspettarsi un raffreddamento durante la prima metà del 2017, con l’attuale El Nino che dovrebbe essere debole.

I media possono ancora annunciare il 2016 come l’anno più caldo di sempre. Per qualche prospettiva su che vediamo una prospettiva più a lungo.

Una cosa che i media non possono menzionare è che le nostre emissioni di anidride carbonica sembrano aver avuto alcun effetto sulla temperatura globale. Questo è stato recentemente notato da l’australiana Jo Nova nel suo articolo “A partire dal 2000 gli esseri umani hanno emesso il 30% della totale CO2, ma non c’è nulla da mostrare per questo.” C’è stata una pausa di 18 anni nel riscaldamento globale.

Se la CO2 si suppone che sia la causa principale del riscaldamento globale, perché la grande emissione di CO2 non ha avuto un grande effetto ? Secondo il Dipartimento per l’energia “, dal 1751 circa 337 miliardi di tonnellate di carbonio sono stati rilasciati nell’atmosfera dal consumo di combustibili fossili e la produzione di cemento. La metà di queste emissioni sono verificate dal 1970, e il 30% di queste si sono verificate durante l’evento El Nino record del 1997/1998 . Non vi è alcuna indicazione che tutta questa CO2  sta producendo un riscaldamento globale.

Sia l’america del nord che l’europa stanno vivendo un freddo record. L’Oceano Atlantico del Nord si  sta rapidamente raffreddando a partire dalla metà degli anni 2000. ( Fonte ) Inoltre, l’attività solare è ora ad un punto basso e molti scienziati ritengono che il prossimo ciclo sarà ancora debole. I periodi di cicli solari deboli sono associati a periodi di raffreddamento globale.

Sembra che qualsiasi presunto effetto di riscaldamento globale dovuto alla CO2 potrà essere sopraffatto dalle variazioni naturali del clima.

 

Fonte : https://wryheat.wordpress.com/2017/01/17/el-nino-to-el-nino-no-net-global-warming/

aosl-1024x360

Scienziati cinesi affermano che El Niño 2015/16 è stato guidato dal picco dell’attività solare

Wen-Juan Huo e Zi-Niu Xiao, due fisici presso l’accademia Cinese delle Scienze, hanno pubblicato recentemente una nuova ricerca che suggerisce che il forte evento di El Niño 2015/16, occorso subito dopo il picco dell’attività solare del 2014, può essere direttamente legato alla forte attività solare . Gli scienziati cinesi hanno trovato una significativa correlazione positiva tra il numero delle macchie solari e l’indice di El Niño Modoki, con un ritardo di due anni.

Inoltre i forti eventi El Niño sono stati trovati essere successivi ogni 1-3 anni dal picco dell’attività solare, nel corso degli ultimi 126 anni. Tutto questo suggerisce che l’anomala e forte attività solare durante i periodi di picco dell’attività solare può essere la chiave d’innesco degli eventi di El Niño.

Questi risultati possono aiutare a spiegare la rapida ascesa e la caduta di temperatura globale nel corso degli ultimi 2 anni.

Figura 1. Numero delle macchie solari annuale SSN (linea solida di colore grigio) e indice El Niño Modoki EMI (linea nera tratteggiata) dal 1890-2015, con ritardo di due anni.

Dal riassunto del documento …

…… Le recenti SST e i dati delle anomalie nella circolazione atmosferica, suggeriscono che l’evento di El Niño 2015/16 sta rapidamente decadendo. Alcuni ricercatori hanno previsto un prossimo evento di La Niña a fine estate o inizio autunno 2016. Dal punto di vista della modulazione delle SST tropicali da parte dell’attività solare, gli autori hanno studiato l’evoluzione della manifestazione 2015/16 dell’El Niño, subito dopo il picco solare del 2014. Sulla base di analisi statistiche e composite, una significativa correlazione positiva è stata trovata tra l’indice del numero delle macchie solari e l’indice di El Niño Modoki, con un ritardo di due anni. Una chiara evoluzione degli eventi El Niño Modoki è stato trovata essere nei 1-3 anni successivi ogni anno di picco solare nel corso degli ultimi 126 anni, il che suggerisce che l’anomala e forte attività solare durante i periodi di picco solare favorisce l’attivazione di eventi di El Niño Modoki…..

Dalle conclusioni …

Questo studio ha esaminato la modulazione degli eventi di El Niño Modoki dall’attività solare, e ha analizzato il possibile impatto dell’attività solare sull’evento 2015/16 di El Niño. L’2015/16 evento di El Niño è più simile a una miscela di due tipi di El Niño; vale a dire, EP El Niño e El Niño Modoki. L’IME ha una chiara periodo decennale, simile al ciclo solare, e dimostra una significativa correlazione positiva con il numero delle macchie solari. L’analisi statistica ha rivelato che un evento di El Niño Modoki è molto probabile che si verifichi da uno a tre anni dopo un anno di picco solare. Il ciclo solare SC24 ha raggiunto un picco nel 2014. L’evoluzione delle SST e l’anomalie del vento sono simili alle caratteristiche tipiche trovati dai compositi di dati storici in anni di picco e quello successivo a tre anni dopo un picco solare. Pertanto, la componente di El Niño Modoki durante la manifestazione 2015/16 El Niño potrebbe anche essere il risultato di un’alta attività solare…

 

Fonte : http://www.thegwpf.com/201516-el-nino-driven-by-peak-solar-activity-chinese-scientists-say/

Due nuovi documenti scientifici affermano che il Sole è il “pacemaker del clima”

Due recenti articoli pubblicati sulla rivista Physics Letters A hanno trovato che il Sole è il vero e proprio pacemaker del clima“, delle temperature oceaniche equatoriali e globali. Gli autori riportano evidenza di una forzatura solare annuale, con periodi di 2 o 3 anni che si ripetono sulle temperature oceaniche. Gli autori riportano inoltre che questi cicli sono estremamente significativi ed importanti per la comprensione del fenomeno El Niño/La Niña“, che come tutti noi sappiamo ha profondi effetti sul clima globale.
I due documenti :

1- Il Sole è il pacemaker clima I. Temperatura equatoriale dell’oceano pacifico
di David H. Douglass e Robert S. Knox

Riassunto

I dati delle serie storiche della temperatura equatoriale dell’oceano pacifico contengono dei segmenti che mostrano un segnale agganciato in fase annuale e un segnale agganciato con una fase di tempo di circa due anni o tre anni, con l’annuale ciclo solare. Tre di questi segmenti sono osservati tra il 1990 e il 2014. Affermiamo che questi segmenti sono causati da una forzatura solare con frequenza di 1,0 cicli/anno. Queste caratteristiche periodiche si trovano anche nei dati climatici globali. In questo studio si fa uso di un filtro di dodici mesi per separare nettamente gli effetti stagionali dai dati. Questo risultato è significativo per la comprensione del fenomeno El Niño / La Niña.

Riassunto

Nella prima parte I, la temperatura equatoriale dell’Oceano Pacifico, SST3.4 è stato rilevato avere dei segmenti durante il periodo 1990-2014 ed è stato mostrare avere un segnale annuale ( forzatura di 1,0 cicli / anno) agganciato in fase con periodi di 2 o 3 anni. Questo successivo studio si estende su tutto l’oceano globale, sotto la superficie, da 700 a 2000 m. Anche in questo caso, gli stessi fenomeni in fase di chiusura vengono rilevati. Gli effetti di El Niño / La Niña si diffondono negli oceani del mondo, con un ritardo di circa due mesi.
………….
Dalle conclusioni :
“…. Con questi risultati sta diventando sempre più chiaro che l’intero sistema climatico risponde alla variabile radiazione solare incidente, ed è soggetto a interazioni, molto probabilmente non lineari, che producono sub-armoniche dal periodo di due o tre anni ed inoltre con una evoluzione non continua, come evidenziato dalle interruzioni riportate nei modelli dei noti cambiamenti climatici.…”
………….

Per approfondire, i due documenti :

Pacifico : Modello del NOAA prevede l’arrivo di un forte evento di Niña

Una nuova previsione del NOAA suggerisce che il corrente El Niño sta per svanirà velocemente e che quest’ultimo sarà sostituito da un forte evento La Niña. Il Dr. Roger Pielke mi ha suggerito un nuovo modello, prodotto dal laboratorio di ricerca del NOAA – ESRL :  Experimental NOAA/ESRL PSD and CU CIRES Forecast in Global Tropics Domain

Oggi, l’uscita di questo nuovo modello, suggerisce l’ingresso un forte e grande evento di raffreddamento per l’oceano pacifico in questo 2016. Le previsioni delle anomalie delle temperature oceaniche superficiali -SST-,  sono state prodotte partendo dalle condizioni inziali registrate a partire dal trimestre : Novembre-Dicembre-Gennaio 2015-2016. Il segnale avanza con passi (conteggio) di 0.3 °C. Per consulatare i valori numerici : http://esrl.boulder.noaa.gov/psd/forecasts/sstlim/sstgl.map.latest

Il Dr. Roger Pielke aggiunge :

“…. se le SST globali, l’inferiori temperature delle troposfera e il crollo delle anomalie di calore che si registreranno nella parte superiore dell’oceano saranno corrette …. questa situazione, sarà un buon banco di prova per i modelli climatici globali.

http://esrl.boulder.noaa.gov/psd/forecasts/sstlim/for4gl.html

Fonte: http://wattsupwiththat.com/2016/02/19/new-noaa-forecast-suggests-current-el-nino-will-fade-fast-and-be-replaced-by-a-strong-cooling-la-nina-this-year/

Aumento dell’attività sismica legata alle anomalie di El Niño?

Si tratta di un argomento estremamente controverso nella scienza, come ci spiega , del famoso sito Metsul.com. Anche negli anni ’80, Daniel A. Walker, dell’Istituto di Geofisica presso l’Università delle Hawaii, ha pubblicato uno studio che collega il verificarsi di terremoti nella parte orientale della catena del Pacifico (East Pacific Rise o EPR, è situata lungo il margine orientale del Pacifico ed è un vasto e basso rigonfiamento sul fondo oceanico. Questa elevazione si erge fino a circa 3 Km al di sopra del circostante fondo oceanico e si estende mediamente per circa 3000 Km. E’ presente una zona centrale di avvallamento, ma ha scarsa rilevanza dal punto di vista topografico. L’elevazione interseca l’America Settentrionale nel golfo di California, e la sua continuazione riappare al largo dell’Oregon e si estende nel golfo d’Alaska. I due segmenti del sistema d’elevazione sono collegati dalla faglia di Sant’Andrea), e gli episodi di El Niño (acque calde dell’Oceano Pacifico nella regione equatoriale). Con oltre 285 mesi di dati fino a settembre 1987, Walker ha trovato una sorprendente coincidenza tra l’energia dei terremoti nella regione e ricorrenti episodi Niño in EPR.

I ricercatori si sono concentrati sulla micropiastra dell’Isola di Pasqua (Cile), perché è relativamente isolata da altri faglie, il che la rende più facile da distinguere nei cambiamenti causati dal tempo. Dal 1973, l’arrivo periodico di El Niño è stato accompagnato da una maggiore incidenza di tremori nei fondali marini, con una magnitudo compresa tra 4 e 6 gradi. Gli scienziati che appoggiano la teoria della correlazione tra El Niño e la sismicità sostengono che il fenomeno aumenterebbe il livello del mare, generando un maggiore peso e aumentando la pressione di fluidi nelle rocce dal letto dell’Oceano Pacifico.

L’argomento è molto controverso in geologia. El Niño potrebbe causare o è il risultato di attività sismica? Sarebbe un cambiamento importante e improvviso nel profilo di temperatura del Pacifico, in fase di transizione da El Niño o La Niña, che porterebbe a un aumento dell’attività sismica? O non hanno alcuna correlazione?

AG Hunt critica il lavoro di Walker nel suo studio (“Predittori sismici di El Niño rivisitati”), pubblicato nel 2000, osservando che tutti gli eventi di El Niño dal 1960 (forse con l’eccezione della manifestazione del 1982) sono stati preceduti da un cambiamento del livello del mare (inferiore nel Pacifico orientale e più alto in quello Occidentale). “Se un aumento delle condizioni oceaniche associate a livello di El Niño può essere in grado di indurre un aumento dell’attività sismica nella catena orientale del Pacifico (EPR), livelli così bassi potrebbero essere in grado di generare lo stesso effetto”, dice. Dice anche che i cambiamenti nel livello degli oceani nell’ordine che si osserva (legato al trasferimento di massa di acqua nei cicli ENSO) comportano variazione trascurabili nella pressione, e che sarebbe sufficiente a cambiare la frequenza dei terremoti (sismicità)

Controversie, del resto, che sono presenti anche nel lavoro di Walker (“Sismicità della East Pacific Rise: correlazioni con l’indice di oscillazione meridionale”), che rilevano come una volta appurato il ruolo del vento nello scatenare il fenomeno oceanico-atmosferico El Niño, la teoria che il riscaldamento è causato da attività vulcanica sul fondo dell’oceano sarebbe usa e getta. “La correlazione apparente tra El Niño e terremoti è solo una coincidenza”, conclude.

Un altro ricercatore, che ha affrontato il controverso argomento El Niño / sismicità, era Serge guilas (“L’analisi statistica del El Niño-Southern Oscillation e la sismicità marina e terrestre nel Pacifico tropicale orientale”). Nel suo studio, ha concluso che l’aumento dell’attività sismica nella regione orientale della catena del Pacifico nasce da un forte gradiente di temperatura della superficie del mare in movimento da est a ovest, portando ad un livello inferiore del mare a Oriente, e una riduzione della pressione nel letto marino a pochi chilopascal (kPa), stabilendo che i valori più alti della SOI (Southern Oscillation Index) portano più terremoti in 2, 3 e 6 mesi di fila, e valori più bassi dell’oscillazione meno terremoti.

In uno studio intitolato “Magma e ciclo El Niño“, pubblicato nel giugno 2011, i ricercatori Herbert R. Shaw e James G. Moore dell’USGS (United States Geological Survey) hanno riportato che grandi colate laviche sottomarine, a loro volta, potrebbero produrre anomalie termiche in grado di interrompere il processo ciclico del mare, il che può essere un fattore nella genesi di El Niño. Secondo i ricercatori, i principali eventi magmatici associati alla fluttuazione della sismicità lungo la catena del Pacifico orientale, sono possibili a intervalli più lunghi e potrebbero spiegare episodi di grande entità di El Niño, come il 1982-1983.

In un altro articolo (“Tettonica a placche e il ciclo El Niño“), pubblicato nell’aprile 2003, Maria Gausman analizza la frequenza dei terremoti, eruzioni vulcaniche, tsunami e la loro correlazione con il SOI (Southern Oscillation Index), una variabile utilizzata per monitorare il ciclo ENSO nel Pacifico equatoriale. “La correlazione delle varie attività tettoniche con la SOI non ha mostrato alcuna correlazione tra gli eventi.” Nel grafico dello studio (sopra), tuttavia, lo scienziato evidenzia un maggior numero di terremoti immediatamente precedenti e seguenti eventi gli eventi temporali di El Niño.

Quindi, ci sono studi scientifici che sostengono diverse teorie che sono ancora contraddittorie, e l’argomento solleva ancora più domande che risposte, come del resto è fatta la scienza in generale.

Fonte : http://www.meteoportaleitalia.it/sismologia/sismologia/editoriali-sismologia/15956-il-controverso-rapporto-tra-el-nino-e-l-attivita-sismica-nel-pacifico.html