Corrente del Golfo situazione attuale

La corrente del Golfo fa parte della Circolazione termoalina che trasporta l’acqua equatoriale degli oceani (calda) verso l’artico. Il principio di funzionamento dipende dalla variazione di densità delle masse d’acqua.

Thermohaline_circulation

(fig.1 Tratta da wikipedia http://it.wikipedia.org/wiki/Circolazione_termoalina)

Blu la circolazione delle correnti profonde fredde e dense. Rosso la circolazione delle acque calde superficiali

Tenete conto che l’immagine è una semplificazione delle correnti. Queste (sopratutto quelle superficiali in rosso) sono una moltitudine di autostrade d’acqua con una miriade di svincoli che possono cambiare a seguito di venti, precipitazioni ecc..

Lo sprofondamento delle acque (deep-water formation) avviene in determinati luoghi sul globo (zone dei poli) per un aumento di densità dell’acqua. La densità dell’acqua dipende dalla temperatura (termo-) e dalla salinità (-alina).

Le basse temperature aumentano la densità in quanto l’acqua salata non ha un massimo di densità (l’acqua dolce max densita 4°C). L’acqua di mare aumenta la sua densità al diminuire della temperatura fino al suo punto di congelamento a -1.8 °C circa (considerando il valore di salinità media dell’oceano di 35 psu).

L’elevata salinità è causata dalla formazione della banchisa Artica. L’acqua passando da uno stato liquido ad uno solido-ghiaccio fa aumentare la concentrazione dei sali sciolti in soluzione che tende ad essere espulsa dal ghiaccio formatosi(Brine Exclusion). Altro fenomeno di aumento di concentrazione di salinità è il Evaporative Cooling dovuto al vento.

Il moto della circolazione termoalina è dovuto allo sprofondamento di masse che scorrono fino a raggiungere il fondale oceanico atlantico. L’effetto combinato del raffreddamento (sprofondamento) nella zona polare e del riscaldamento in quella equatoriale provoca un flusso di acqua profonda diretto verso Sud ed uno di acqua calda e superficiale da Sud verso Nord.

Questo è più o meno una sintesi del moto nella circolazione termoalina nel Nord Atlantico.

Situazione della circolazione delle acque profonde

Il movimento della circolazione delle acque profonde è stato recentemente messo in dubbio da una serie di studi con boe (RAFOS) alla deriva fra i 700 – 1500 m di profondità. Circa l’80 % della flotta di boe (RAFOS) è sfuggito alla Deep Western Boundary Current (DWBC) (linea blu che scende dal Nord Atlantico fig 1.), alla deriva in mare aperto. Ciò confermerebbe alcune ipotesi degl’anni 90, e probabilmente distruggerebbe molti dei modelli globali di cambiamento climatico redatti negli ultimi anni.

Se la corrente subisse un rallentamento o una riduzione si suppone che andremmo incontro ad inverni più rigidi in Europa.

I risultati della Dott.sa Amy Bower del Woods Hole Oceanographic e Susan Lozier della Duke University et al. sono state pubblicate nel numero 459 di Nature. (http://www.nature.com/nature/journal/v459/n7244/full/nature07979.html)

http://wattsupwiththat.com/2009/05/15/uh-oh-50-year-old-ocean-thermohaline-model-sinking-fast-climate-models-may-be-disrupted/#more-7875

Situazione della circolazione delle acque superficiali

Nella norma la circolazione della corrente del golfo è illustrata nella seguente immagine.

Nord atlantico_current_2002

Fig 2 ingrandita da http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Ocean_current_2004.jpg (rappresenta la corrente oceanica nel 2002)

La situazione nella zona caraibica (secondo l’immagine postata sopra) prevede che la corrente sud equatoriale entrata nei Caraibi dovrebbe e fuoriuscire come corrente della Florida – Corrente del Golfo.
Ora postiamo un ingrandimento della situazione attuale della zona caraibica al 18/09/2009 dati NOAA
aofs_cur_f144_hurr-01
Si può notare una difficoltà della corrente sud equatoriale a penetrare attraverso i Caraibi nel Golfo del Messico.
Infine osserviamo dove la corrente sud equatoriale si sta dirigendo
aofs_cur_f120_natl_01
Come si può notare la circolazione del Nord Atlantico ha un comportamento anomalo dalla condizione riportata dalla mappa postata (Fig 2). Ingrandendo si può meglio osservare come le correnti dovrebbero entrare nei Caraibi. La corrente Nord equatoriale è ridotta se non bloccata.
Nord atlantico_current_2002_b
Precedentemente ho paragonato la circolazione superficiale degli oceani ad una autostrada; credo che la corrente Sud equatoriale abbia cambiato svincolo dirigendosi verso Nord molto più a sud della Corrente del Golfo.

Normalmente la corrente Sud equatoriale non dovrebbe spingersi così a Nord ma avrebbe dovuto ritornare indietro verso l’Africa come Corrente di Guinea.
Update: Situazione attuale autoaggirnante
Piccola nota doverosa dal 18 settembre NOAA sta inizializzando il sistema(le correnti appaiono distorte) per cui l’immagine potrebbe non essere veritiera al 100%.
Andrea B
Hatena Bookmark - Corrente del Golfo situazione attuale
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

75 pensieri su “Corrente del Golfo situazione attuale

  1. Nessuno vieta a nessuno di parlarne…

    ho anche scritto sopra che in effetti a breve sarà opportuno ritornarci su…

    io stavo solo rispondendo a geloperenne che sembrava quasi volesse farci passare per quelli che hanno illuso un sacco di gente nei forum italiani…

    come al solito abbiamo riportato un fatto,vero o sbagliato che sia…

    ed anch’io mi sn chiesto perchè nn ne parla nessuno….

    al momento l’ipotesi della falla dei dati è l’unica che posso dare, anche perchè nn credo che un sito come quello di A.Watts si lasci sfuggire una notizia bomba simile se fosse vera.
    Cercheremo di fare chiarezza più avanti, magari provo a mandare un-email allo stesso A.Watts…

    Simon

      (Quote)  (Reply)

  2. scusate ma avrà mica a ke fare con questo la tempesta extra tropicale ( grace) formatasi a largo della spagna la sett scorsa?

      (Quote)  (Reply)

  3. d’accordo… comunque quel sito della noa ha problemi nell’inizializzare il modello numerico per fare la previsione sull’evoluzione della corrente del golfo nel tempo! Ma la situazione ATTUALE della corrente nel golfo, che non è una previsione numerica ma solo una MISURAZIONE dello stato delle cose, non dovrebbe produrre nessun problema? O sbaglio? Cioè si misura, si pubblica! E la mappa relativa ai giorni scorsi dovrebbe quindi essere veritiera in quanto frutto di misurazioni e non di elaborazioni numeriche!!

      (Quote)  (Reply)

  4. Che ci sia stato un comportamento anomalo della corrente del golfo l’ha ammesso nelle settimane scorse lo stesso NOAA

    pubblicato domenica 6 ottobre (sei giorni prima del mio articolo!!!!)

    http://www.meteoscienze.it/a-lezione-di-cambiamenti-climatici/212-rallentamento-della-corrente-del-golfo-e-nuova-era-glaciale

    Facciamo il punto e diciamo che un confronto fra l’ultimo post autoaggiornante e quelli precedenti non può essere fatto perchè i modelli di base sono diversi.

      (Quote)  (Reply)

  5. Scusami Andrea non me ne volere ma questa storia del rallentamento della CdG ripresa nel link che hai postato è riferita ad una vicenda ormai un pò vecchiotta che ha fatto scalpore qualche anno fa. Negli ultimi anni, infatti, non si è registrato nessun rallentamento della Cdg e anzi ricordo alcuni articoli di meteogiornale dove si faceva notare che negli ultimi 2 anni, al contrario di quanto sostenevano alcuni scienziati, la Cdg ha ripreso vigore.

      (Quote)  (Reply)

  6. un modello si aggiorna
    quando non rispecchia più la realtà
    pe farlo coincidere con i dati misurati
    penso che le proiezioni giuste siano le ultime
    forse prima le correnti erano sovrastimate.

      (Quote)  (Reply)

  7. Il problema è asto punto capire se le carte che stanno girando ultimamente sono giuste o farlocche.

    mi sa che toccherà mandare un’altra e-mail al noaa—

      (Quote)  (Reply)

  8. Le carte sono farlocche… E’ sicuro. Guardate la carta del 18/09 si vede che la cdg pompa come una dannata e poi all’improvviso tutto si ferma istantaneamente. Impossibile che ciò corrisponda ad un arresto reale della cdg. E’ chiaro che al noaa stanno facendo del casino. Il succo è che la cdg è in formissima. Peccato, ci avevo creduto.

      (Quote)  (Reply)

  9. Ma il cambiamento del 18/9 l’avevamo già notato tutti, nn scopri l’acqua calda 😉

    il problema è che anche se guardi l’ultimo aggiornamento di oggi 13 ottobre:

    http://polar.ncep.noaa.gov/ofs/aofs_images/large/aofs_cur_nowcast_natl.png

    le cose nn sn cambiate!

    quindi 2 sn le questioni:

    1) nn hanno ancora risolto i loro problemi (ed anche la mia opinione)

    2) c’è realmente qualcosa che nn va alla c.d.g.

    Cmq stiamo provvedendo a mandare un altra e-mail per chiedere ulteiori spiegazioni.

    ciao

      (Quote)  (Reply)

  10. scusate.. voi continuate a prendere come riferimento e a fare confronti su immagini che si basano su rielaborazioni numeriche sbgliate.. è chiaro che c’è una differenza tra le carte di prima e quelle di adesso! non potrebbe essere altrimenti.

      (Quote)  (Reply)

  11. Innanzitutto i giorni sn 2 e nn 3…

    ho lasciato l’incarico ad andrea Battista di provvedere a mandare un e-mail al noaa…sai poi bisogna anche vedere se e in quanto tempo ti rispondono…

    appena ne sappiamo di più faremo un altro articolo. Nel frattempo vi ripeto di nn “illudervi” tanto che quelle carte siano veritiere al 100%.

    Ciao
    Simon

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.