Multi-modello in scala armonica per le variazioni cicliche climatiche e solari nel corso dell’Olocene basato sulla frequenza di marea di Giove e Saturno in relazione al ciclo di undici anni delle macchie solari, di Nicola Scafetta – 1° parte -

Recentemente il Dott. Nicola Scafetta ha compilato un nuovo lavoro. Lavoro nel quale utilizzando le tre frequenze ricavate dalle registrazioni delle macchie solari dal 1749 ad oggi, sviluppa un modello di previsione sui futuri periodi caldi e freddi. Riportiamo per sommi capi i punti principali di questa interessante ricerca.


Rivista dell’atmosfera e solare-terrestre fisica

ACRIM (Active Cavity Radiometer Solar Irradiance Monitor Lab) e Duke University, Durham, NC 27708, USA

Ricevuto il 29 ottobre 2011. Revisionato il 17 febbraio 2012. Accettato 22 febbraio 2012. Disponibile online  8 marzo 2012.

http://wattsupwiththat.files.wordpress.com/2012/03/scafetta_jstides.pdf

http://arxiv.org/abs/1203.4143

 

Abstract

Nella banda di frequenza Schwabe delle registrazioni di Zurigo delle macchie solari dal 1749, il ciclo,   si trova essere composto da tre grandi sotto-cicli con periodi di circa 9,98, 10.9 e 11.86 anni. Le frequenze laterali sembrano essere strettamente legate al periodo sorgente mareale di Giove e Saturno (range compreso tra 9,5 e 10,5 anni, e mediana 9.93 anni) e al periodo siderale mareale di Giove (di circa 11,86 anni),Figura n°3. Il ciclo centrale può essere associato al quasi 11-anni ciclo della dinamo solare che sembra essere approssimativamente sincronizzato con la media delle due frequenze planetari. Un modello semplificato costituente armonico, basato su queste due frequenze planetarie di marea e le date delle fasi planetarie di marea esatte di Giove e Saturno, oltre a un ciclo teoricamente dedotto di 10,87-anni centrale, che  rivela complessi modelli e quasi-periodici ritmi di interferenza. I periodi di battute principali si verificano in circa 115, 61 e 130 anni, più un quasi-millenario ciclo di battuta largo circa 983 anni. Abbiamo dimostrato che i cicli equivalenti sincronizzati si trovano nei documenti cosmogenici utilizzati per ricostruire l’attività solare e il clima nelle registrazioni durante l’Olocene (ultimi 12.000 anni) fino ad ora. Le quasi-secolari oscillazioni seguono ragionevolmente bene i periodi prolungati noti di bassa attività solare durante il millennio scorso, come i minimi Oort, Wolf, Sporer, Maunder e Dalton, così come le 17 oscillazioni nei 115 lunghi anni che si trovano nella dettagliata ricostruzione della temperatura dell’emisfero settentrionale negli ultimi 2000 anni. Figura n°7. Le tre frequenze cicliche di battito millenarie ricoprono gli equivalenti cicli solari e il clima per gli ultimi 12.000 anni. Infine, il modello armonico qui proposto ricostruisce i prolungati minimi solari che si sono verificati durante il 1900-1920 e il 1960-1980 e i massimi solari intorno al 1870-1890, 1940-1950 e 1995-2005 e il trend secolare al rialzo nel corso del 20 ° secolo: questo modulato trend, si accorda bene con alcuni modelli di delega solare, con la TSI ACRIM satellitare e con la modulazione della temperatura globale della superficie dal 1850. Il modello prevede un nuovo minimo solare prolungato tra il 2020 e il 2045,  Figura n°6, che può essere prodotto con i minimi di entrambi i cicli di 61 e i ricostruiti 115-anni. Infine, il modello prevede che durante periodi di bassa attività solare, la durata del ciclo solare, tende ad essere più lunga, come alcuni ricercatori hanno sostenuto. Questi risultati indicano chiaramente che le oscillazioni sia solare, che del clima sono legate al moto dei pianeti e inoltre, la loro tempistica può essere ragionevolmente prevista per decenni, secoli e millenni. La dimostrata sincronicità geometrica tra i dati dei modelli solari e climatici con il  proposto modello solare / planetario armonico ribatte la maggiore critica (da parte di Smythe e Eddy, 1977) sulla influenza della marea planetaria sul sole. Altre discussioni qualitative vengono aggiunte circa la plausibilità di un influsso planetario sull’attività solare.

 

 Fig. 3. Analisi dello spettro di potenza della media mensile della registrazione del numero di macchie solari. Si noti i tre picchi di frequenza che compongono il ciclo delle macchie solari di Schwabe a circa 9.98,10.90 e 11,86 anni. Sono le tre vette più alte dello spettro. (B) Il periodogramma Lomb rivela anche l’esistenza dei medesimi tre picchi spettrali.

 

Fig. 7. Modello armonico modulato dalle tre frequenze, Eq. (8) (che rappresenta una variante ideale per l’attività solare) in relazione alla ricostruzione della temperatura nell’emisfero settentrionale, Ljungqvist (2010). Si noti la buona scelta di tempo corrispondente del ciclo millenario e i 17 cicli di 115 anni tra i due record. Il periodo romano caldo (RWP), il periodo freddo (DACP), il periodo Caldo Medievale (MWP) e la Piccola era Glaciale (LIA) e il corrente periodo caldo (CWP) che sono indicati nella figura. In basso: il modello armonico (blu) con periodo di P12 = 114,783 e la fase T12 = 1980,528 calcolato utilizzando l’Eq. (7), i 165-anni del segnale di temperatura, curva di colore nero mediata. Il coefficiente di correlazione è R0 = 0,3 per 200 punti, il che indica che i 115 anni dei cicli nelle due curve sono ben correlati (P (| r | ≥ r0) <0,1%). Il ciclo di 115 anni ha raggiunto un massimo nel 1980,5 e raggiungerà un nuovo minimo nel 2.037,9 AD

 

Figura 6 [C] lunghezza del ciclo solare previsto dal modello armonico contro quello osservato (vedi Tabella 1).Si noti che il modello prevede di solito più cicli solari durante i periodi di bassa attività solare come è stato osservato durante i minimi del Maunder e il Dalton. [D] Modello solare / planetario in relazione la temperatura superficiale globale (HadCRUT3, http://www.cru.uea.ac.uk/) e l’annuale ACRIM irradianza solare totale media (TSI) satellite composito (http://acrim.com /) dal 1981 (si noti che ACRIM1 iniziata nel Febraio del 1980). Si noti la similitudine nello schema della modulazione dei modelli con massimi locali intorno al 1880, 1940 e 2000, minimi locali intorno al 1910 e il 1970.

Nella seconda parte, riporterò in dettaglio alcuni interessanti commenti registrati sul blog di Antony Watts. Uno nuovo duello fra Leif  Svalgaard e Nicola Scafetta vi attende qui su Nia.

Non mancheranno alcuni commenti al peperoncino…

:smile:

Fine – 1° parte –

 

Fonti :

http://tallbloke.wordpress.com/2012/03/21/nicola-scafetta-major-new-paper-on-solar-planetary-theory

http://wattsupwiththat.com/2012/03/21/scafettas-new-paper-attempts-to-link-climate-cycles-to-planetary-motion/

 

Michele

Hatena Bookmark - Multi-modello in scala armonica per le variazioni cicliche climatiche e solari nel corso dell’Olocene basato sulla frequenza di marea di Giove e Saturno in relazione al ciclo di undici anni delle macchie solari, di Nicola Scafetta – 1° parte -
Share on Facebook
Post to Google Buzz
Bookmark this on Yahoo Bookmark
Bookmark this on Livedoor Clip
Share on FriendFeed

28 pensieri su “Multi-modello in scala armonica per le variazioni cicliche climatiche e solari nel corso dell’Olocene basato sulla frequenza di marea di Giove e Saturno in relazione al ciclo di undici anni delle macchie solari, di Nicola Scafetta – 1° parte -

  1. Non posso non associarmi agli auguri, anche se in ritardo.
    Ciao Simon, tanti cari auguri.

    giorgio :
    chi non fa gli auguri a Simon si becca 30 anni di GW

    (avevo paura!) :-)

      (Quote)  (Reply)

  2. Alcune considerazioni sparse.
    È davvero difficile credere che la forza di gravita’, così (per fortuna) debole possa influenzare l’attività solare. Legge di gravitazione alla mano, la forza è (fortemente) inversamente proporzionale alla distanza tra le masse. Anche il campo magnetico, formula canta, perde bruscamente di intensità con proporzionalità inversa alla distanza. E qui stiamo parlando di distanze enormi (ad es giove sole). Tuttavia il modello di predizione sembra funzionare per cui ci deve essere qualcosa che i modelli fisici non riescono a descrivere.
    Altra considerazione di tipo storico. Gli antichi erano letteralmente ossessionati dalla misurazione della posizione di pianeti e stelle. Esistono testimonianze scritte, osservatori astronomici megalitici in tutti i continenti. Vuoi vedere che loro sapevano qualcosa che noi ignoriamo?

    Ciao e ancora grazie per il lavoro di NIA!
    Livio

      (Quote)  (Reply)

  3. @Livio … il contenimento nel reattore solare … la forza di gravita
    quanto poi le deboli … debolissime forze gravitazionali o magnetiche
    modulano il SOLE … i cicli ci sono.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine