Controllo di oscillazione solare e planetaria sui cambiamenti climatici: posteriore, previsione e un confronto con le CMIP5 GCM

Riporto per esteso il capitolo n°6 e parte delle conclusioni di questa nuova carta pubblicata da nicola scafetta.
😎
Michele

Nicola Scafetta, 16 Luglio 2013

Riassunto

Le globali registrazioni della temperatura di superficie (ad es HadCRUT4) dal 1850 sono caratterizzati da oscillazioni climatiche sincrone con specifiche armoniche solari, planetari e lunari sovrapposti su sfondo di modulazione al riscaldamento. Quest’ultimo è connesso ad una lunga millenaria oscillazione solare e ai cambiamenti nella composizione chimica dell’atmosfera (es. aerosol e gas serra). Tuttavia, gli attuali modelli climatici di circolazione generale, per esempio le CMIP5 GCM, da utilizzare nel rapporto IPCC AR5 nel 2013, non riescono a ricostruire le oscillazioni climatiche osservate. Come alternativa, si propone un modello empirico che usa : (1) un insieme specifico di decadi, multidecadi, secolari e millenarie armoniche astronomiche per simulare le oscillazioni climatiche osservate, (2) un’attenuazione pari a 0,45 dell’ensemble GCM, significativa nei modelli di simulazione, di origine antropica e per il forcing vulcanico. Il modello empirico proposto supera i modelli climatici GCM osservati dal 1850-2012. Si è constatato che: (1) circa il 50-60% del riscaldamento osservato dal 1850 e dal 1970 è stata indotta dalle oscillazioni naturali probabilmente derivanti da forzanti astronomiche armoniche che non sono ancora inseriti nel GCM, (2) 2000-2040 è prevista una temperatura costante ; (3) un riscaldamento tra il  2000-2100, che oscilla tra 0,3 °C e 1,6 °C, che è significativamente inferiore alla IPCC GCM, che viceversa, stimava un riscaldamento compreso fra 1,1° C e 4,1°C; (4) un equilibrio di sensibilità climatica su la CO2 raddoppiando e centrato su 1,35°C e variabile tra 0,9°C e 2,0°C.

Figura 16:

[A] HadCRUT4 GST (grigio) sovrapposto al modello climatico empirico dato dall’eq. 7 dove la componente antropica / vulcano M A,V(t) è derivato da quattro alternative CMIP5 GCM simulazioni medie di fig. 1. La curva nera liscia corrisponde alla componente armonica delle sei freguenze e rappresenta la variabilità naturale modellata. [B] Zoom di [A] per il 1980-2030.

  • 6 L’antica comprensione del cambiamento climatico

Per millenni la comprensione tradizionale era che il sistema climatico è in gran parte regolato da numerose oscillazioni naturali di origine astronomica che lavorano su più scale di temporali [17, 19, 63, 64]. Ad esempio, i calendari solari-lunari sono stati ampiamente utilizzati nell’antichità, perché le antiche civiltà consideravano i cicli solari-lunari importani per le attività agricole: In Nord America sta continuando questa tradizione dal 1792, vedi il vecchio almanacco del contadino. Inoltre, i cicli di 20 anni e 60 anni delle oscillazioni astronomiche erano ben noti e le antiche civiltà credevano, che in qualche modo l’economia era legata a queste oscillazioni astronomiche attraverso il clima [17, 63, 19, 87, 88]. Infatti, cicli con periodi di 7-11 anni (Juglar), 15-25 yeas (Kuznets) e 45-60 anni (Kondratiev) sono stati trovati tra i business cycles.  Un ciclo di 60 anni è incluso dei calendari tradizionali cinese e indiano, probabilmente perché questi cicli sono stati e si riflettono anche nel ciclo dei monsoni [64, 67]. Nella tradizione indù, il ciclo solare di 60 anni è stato indicato come il ciclo Brihaspati (= Giove). Nel 886 dC Ma’shar [63] mostrò una interpretazione globale della storia basata per lo più sulle oscillazioni di Giove-Saturno. Keplero [89], che ha promosso fortemente la climatologia astronomica, progettò nel 1606 il suo famoso diagramma che rappresenta questi due cicli multidecadi (Fig. 11, a destra).

 

Figura 11:

(Sinistra) Rappresentazione schematica dell’ascesa e della caduta di diverse civiltà fin dal neolitico che si correla bene con i 14C registrazioni radiofonici-nucleotidi utilizzati per stimare l’attività solare. (Figura ripresa da Eddy [90, 91].  Le correlate plurisecolari e millenarie variazioni solari-climatiche sono state recentemente confermate [43, 44, 47].

(Destra) diagramma Trigon di Keplero delle grandi congiunzioni di Giove e Saturno tra il 1583-1763 [89], che mette in evidenza i cicli astronomici di 20 e 60 anni, nella lenta rotazione millenaria.

 

Come il diagramma di Keplero mostra, le quasi oscillazioni di 20 anni e 60 anni, possono essere facilmente dedotte dal periodo orbitale di Giove (11,86 anni) e Saturno (29,46 anni). Il periodo di congiunzione Giove-Saturno è infatti  19,85 anni, ad un angolo di circa 242,57°. Ogni 60 anni una congiunzione Trigon si compie con una rotazione completa di 7,7° (Fig. 7). La configurazione completa astronomica si ripete ogni 900-960 anni, utilizzando i siderali periodi orbitali dei pianeti, come Ma’shar [63] ha osservato dopo Tolomeo, o ogni 800 anni, utilizzando i periodi orbitali tropicali, come Keplero [89] ha osservato. In entrambi i casi, la lenta rotazione del Trigon ha convinto antiche civiltà di un ciclo astronomico quasi millenario che potrebbero essere circa correlata con un ciclo quasi millenaria comunemente osservati nelle cronologie storiche, come rivela l’ascesa e la caduta delle civiltà. Questi eventi sono stati probabilmente guidati da variazioni climatiche (Fig. 11, a sinistra) [90, 91].

Infatti, nel 1345 dC una congiunzione Giove-Saturno si è verificato nel segno zodiacale dell’Acquario ed era legata allo scoppio dell’epidemia della morte Nera [88, pp 158-172]. Nel 1606, Keplero [89] usò un argomento correlato per prevedere che la civiltà europea sarebbe rifiorita durante i seguenti quattro / cinque secoli, e Newton escluse la possibilità di un altro crollo della civiltà prima del 2060AD. Oggi si sa che questo ciclo di civiltà quasi millenaria si riflette anche nelle registrazioni del 14C e 10Be, che sono modulati dall’attività solare [43, 44, 47] (Fig. 11), suggerendo un collegamento planetario-solare-climatico.
Tuttavia, dal momento che nel 18° secolo un influsso planetario sul clima, così come gli antichi modelli planetari astrologici sono stati respinti come superstizioni, perché secondo legge gravitazionale di Newton i pianeti sono troppo lontani dalla Terra per avere qualsiasi effetto osservabile. C’è una soluzione a questo curioso mistero? Qui di seguito una moderna interpretazione astronomica delle oscillazioni climatiche è dato sulla base di alcuni studi dell’autore [8, 9, 11, 12, 86].

 

  • 11 Conclusione

Può essere sorprendente per molti scoprire che oscillazioni planetarie probabilmente esercitano un controllo significativo sul sistema climatico della Terra, come presentato in questo documento. Tuttavia, questo è il modo in cui il cambiamento climatico è stato interpretato e previsto per millenni dalle civiltà antiche che hanno costruito sofisticati osservatori astronomici a questo scopo. Tolomeo [17] ha dichiarato che i movimenti dell’etere (cioè le oscillazioni della eliosfera guidati dal Sole, della Luna e dei pianeti) alterano la parte più alta dell’atmosfera terrestre (che si credeva essere fatta di fuoco), che quindi altera la bassa atmosfera che agisce sulla terra e acqua, su piante e animali e, di conseguenza, gli esseri umani sono influenzati anche dalle stelle. Keplero [19, 89] osserva che il clima ha dovuto rispondere ai dettami di armonie celesti, e ha detto che la natura è influenzata da un aspetto proprio come un contadino è mosso dalla musica alla danza [132]. Armoniche planetarie sono stati ampiamente utilizzati per interpretare la storia umana [63] e la previsione per le  precipitazioni monsoniche[64]. Oggi, molti liquidano questa scienza antica come l’astrologia, forse senza rendersi conto che anche i calendari ed i modelli delle maree oceaniche sono nati come modelli astrologici, mentre oggi questi modelli sono scientificamente ben fondati. In effetti, l’antica astrologia era una miscela di fatti concreti che descrivono i fenomeni astronomici, geofisici e superstizioni e capendo questo Keplero, ” …warned to not throw out the baby with the bathwater…” [19, 133]. Il GST oscilla in modo chiaro e aumentata dal 1850. Tuttavia, i GCM utilizzati dall’IPCC, come la CMIP3 nel 2007 e la CMIP5 nel 2013, non sono in grado di ricostruire l’osservato GST decadale e le multidecadi oscillazioni. La giustificazione tradizionale di questo fallimento è stato attribuito ad una variabilità interna del sistema climatico che sarebbe impossibile da modellare correttamente a causa di incertezze nelle condizioni iniziali e alle dinamiche caotiche del sistema climatico stesso. L’autore [8, 9, 10, 11, 12] ha osservato che il record di GST sono caratterizzati da picchi di specifiche frequenze corrispondenti alle armoniche astronomiche legate ai cicli di marea solari-lunari, i cicli solari e oscillazioni eliosfera in risposta ai movimenti dei pianeti, in particolare di Giove e Saturno. Inoltre, ho proposto un modello fisico che può spiegare come le planetarie armoniche di marea possono modulare l’attività solare, e ricostruire le principali variazioni solari note dell’olocene [11, 12] dalle decennali, alle scale millenarie. Le figure 6, 9 e 13 mostrano che l’osservato GST e oscillazioni astronomiche sono ben sincronizzate. In effetti, una ipotesi di variazione planetario solare sta per rivivere [134].
Gli empirici modelli armonici basati su queste oscillazioni sono in grado di ricostruire tutte le principali decennali e multidecadi variazioni climatiche osservate con molta più accuratezza rispetto a qualsiasi IPCC AGWT GCM. Un modello armonico semplice basato su un minimo di quattro oscillazioni astronomiche con periodi di circa 9.1, 10-12, 19-22 e 59-63 anni può facilmente ricostruire a posteriori in fusione di tutti i cosiddetti periodi GST osservati dal 1850. Questo contraddice Meehl et al. [22] che le oscillazioni osservate GST sono causa di un imprevedibile variabilità interna del sistema climatico.

….

…..

Figura 17: Rete della possibile interazione fisica tra armoniche planetarie, la variabilità solare, climatica e ambientale sul pianeta Terra (con permesso adattato dopo Mörner [135]).

I risultati di questa analisi indicano che i GCM non includono ancora importanti meccanismi fisici associati alle oscillazioni naturali del sistema climatico. Pertanto, le interpretazioni e le previsioni del cambiamento climatico sulla base dei GCM correnti, inclusi i CMIP5 GCM per essere utilizzati nella IPCC AR5, è discutibile. I meccanismi mancanti nei GCM sono probabilmente legati a oscillazioni solari / astronomiche naturali del sistema solare, che sono oggetto di ulteriori ricerche. Tuttavia, queste oscillazioni possono essere già empiricamente modellati e, in prima approssimazione, utilizzato per prevedere almeno la componente armonica del sistema climatico. La figura 17 presenta un diagramma qualitativo che sintetizza la rete della possibile interazione fisica tra le armoniche planetarie, la variabilità solare,  le solari-lunari forzanti di marea, i cambiamenti climatici e ambientali sulla nostra Terra. Tenendo conto di un controllo di oscillazione planetario, dell’attività solare, delle armoniche lunari, che controllano le forzanti climatiche naturali dirette o indirette, questo può fare il cambiamento solare e climatico più prevedibile.

 

Fonte : http://arxiv.org/abs/1307.3706

 

Michele

Hatena Bookmark - Controllo di oscillazione solare e planetaria sui cambiamenti climatici: posteriore, previsione e un confronto con le CMIP5 GCM
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

18 pensieri su “Controllo di oscillazione solare e planetaria sui cambiamenti climatici: posteriore, previsione e un confronto con le CMIP5 GCM

  1. mi rifaccio vivo
    volevo ringraziare michele di mandare avanti il blog

    senza di lui ovviamente saremmo fermi
    io ho finalmente terminato gli esami estivi, dire che sono andati male è farmi un complimento.
    purtroppo la situazione è nera e in questo mese buco voglio cercare di passarmela il più possibile
    vedrò di riuscire a dare un piccolo contributo al blog se possibile

      (Quote)  (Reply)

  2. fig 11.

    C’è un’errore di partenza … sembra assurdo ma la Sfinge.., non entro nel specifico viene sempre considerata dinastica, invece è più antica.. sicuramente risale a alla fine della glaciazione di Würm .. quando non si considerano le civiltà predinastiche egiziane, si sfasa una parte del ciclo importante… ecco perché non sappiamo esattamente quando inizierà la prossima glaciazione… e crediamo di vivere in un pianeta con un clima stabile … non sappiamo quanto in realtà possa essere ancora più abbondante e ricco di risorse questo pianeta.. le guerre e la lotta per le risorse sin dall’antichità ne sono un esempio.. qualcosa è cambiato da un certo punto in poi…
    Credo che i segni del dilavamento prodotto dai lunghi periodi di piogge monsoniche siano sotto gli occhi di tutti.. ed in realtà, il predinastico antico è più semita che arabo.. anche se in poche parole e qui mi fermo proprio… non ha niente di etrusco niente di ellenico e niente di israeliano o arabo…
    Ognuno fa un poco suo, un enorme potere di conoscenze ancora non pienamente appreso, o occultato….
    Leggete 5 volte l’articolo e capirete che non parlo di navicelle, ma di analisi matematica e geometria… e forse una generalizzazione sotto il naso di tutti, ma di cui ignoriamo l’esistenza, perché ancora siamo relativamente primitivi rispetto gli antichi costruttori… dico l’ultima..
    Una civiltà come quella Maya che collassa a causa di cambiamenti climatici, niente navicelle o laser o tombe assurde. Una civiltà che aveva più dei Maya conoscenza di se stessa, e posso ipotizzare… che non avesse il bisogno di compiere sacrifici umani. Perché appunto aveva una spiegazione razionale e logica allo stesso tempo. raffinata nell’astronomia …

      (Quote)  (Reply)

  3. Relativamente all’ultima era glaciale ho dei dubbi atroci di “ignoranza”.
    Da sempre mi chiedo, come facevano a vivere mammuth e rinoceronti pelosi in siberia(!!!) nell’era glaciale, quando probabilmente oggi non riuscirebbero?
    Rinoceronti ed elefanti vivono nelle zone calde di africa e india.
    Quando arrivò l’era glaciale si adattarono al freddo diventando grossi e pelosi.
    Quando viceversa ritornò il caldo, non si adattarono, si estinsero.
    Perchè? Forse il periodo caldo arriva di colpo, mentre il periodo freddo impiega molto più tempo e permette l’adattamento?
    Scusate se ho detto stupidaggini, ma è la mia cultura da “focus televisivo” di questi argomenti.

      (Quote)  (Reply)

  4. Non si torna indietro di molto al massimo 5000 anni, periodo che corrisponde anche al cataclisma del Mar Nero, periodo concluso, presumo… con il cataclisma di Santorini..
    tsunami.. per esempio sono a conoscenza di un’imponente cedimento sull’antica costa orientale siciliana. Causato dall’Etna si presume. una gigantesca frana che ha provocato dalle coste orientali siciliane uno tsunami con effetti significativi su tutto il mediterraneo orientale… sino a Cipro.

    Non do per scontato che la storia sia esatta come disciplina perché la scrivono i vincitori il più delle volte… Io sono scettico di natura, ma se ci guardiamo attorno a 360° documentandoci sulla geologia e rapportando il tutto alle discipline scientifiche esatte, noteremo inquietanti lacune tra le nostre certezze…

    Aggiungo i Mammut si sono estinti a causa del freddo non è stato il caldo, o meglio entrambi i fattori hanno compromesso il loro habitat…
    Ghiacciai e Inlandsis a nord e Sahara a sud in espansione.. sono stati come stritolati…

    saluti

      (Quote)  (Reply)

  5. @Nicola Scafetta

    Il moto del Sole attorno al centro di massa compie uno spostamento di 120° rispetto alle stelle fisse, ogni 19,86 anni ossia ad ogni battito Ju/Sa.
    3X19,86=59,60
    3X120°=360°
    3 cicli orbitali di Ju/Sa corrispondono ad 1 giro del Sole attorno al centro di massa del sistema solare.

      (Quote)  (Reply)

  6. @Nicola Scafetta
    ho riconsiderato quanto scritto nel primo messaggio, non è errato considerare da quella data in fig11.
    anche perché in tal caso dal 3000 ac sino al 1500 ac andrebbe grossomodo a ripercuotere l’andamento che va diciamo dal 1500 ac ad oggi… potrebbe in tal caso variare, la velocità e la frequenza con cui avvengono certi cambiamenti. e la lunghezza nel tempo, sarebbe costante o ciclica, tornando ancora più indietro… perché data dal moto relativo di oscillazione dato dai pianeti…
    ecco perché senza dimostrazioni matematiche il sole non può essere una costante.. come alcuni suggerivano…

    saluti

      (Quote)  (Reply)

  7. Quest’ultimo lavoro di nicola scafetta è stato pubblicato anche sul blog di Antony watts e in altri….

    http://wattsupwiththat.com/2013/07/23/congenital-cyclomania-redux/

    Anche in quest’ultima occasione come nel 2011 oppure in altre….si è scatenata la rissa.

    Per pignolerie, precisazioni matematiche.
    Ok, la scienza vuole estrema precisione, chiarezza, formule precise, riproducibilità….etc….etc..

    Vedi questo :
    http://wattsupwiththat.com/2013/07/23/congenital-cyclomania-redux/#comment-1371278

    Io dico …ma questa gente si rende conto della moltitudine di variabili in gioco nel collegamento astronomico-climatico ?
    Vogliono i “access to the spreadsheet or computer code that you used”…

      (Quote)  (Reply)

  8. Michele non può esserci riproducibilità. se non per la variazione di inclinazione dell’asse terrestre.. e per alcuni allineamenti planetari, i quali, si se considera l’arco di tempo in cui si ripetono, per forza se ne deve considerare una media, di forze in un arco di tempo molto lungo. non dobbiamo scoprire in questo caso dobbiamo prevedere e generalizzare alcune cosette…
    per questo consiglio di tentare di andare sempre più indietro nel tempo circa 10000 anni fa..
    per avere un’idea precisa.
    considerando quanto scritto nel messaggio sopra, per alcuni è come dire cambiare un’indicazione stradale per vincere una gara di mille miglia…. non funziona cosi la scienza….
    le pignolerie non fanno altro che portare imprecisione e lavoro matematico extra in questo caso…
    un sistema ti dico di tot ……
    {
    {
    {
    …ect e via andare….

    e come se mi vengono a dire adesso che il mio italiano è scarso e ci vogliono alcuni ;;;; perché altrimenti non si capisce il discorso. ma che diamine centra???

      (Quote)  (Reply)

  9. @entropio33
    O.T.
    effettivamente, caro Entropio33, spesso faccio fatica a seguire il filo logico dei tuoi ragionamenti. questo mi succede anche (e non solo) a causa della punteggiatura, che metti a casaccio. non me ne volere! lungi da me l’idea di fare il saccente.
    con simpatia
    carmelo

      (Quote)  (Reply)

  10. devi perdonarmi ogni tanto… specie quando si presenta un’ondata di caldo..

    non si campiona nulla era per dire che alcune convinzioni sono da scartare definitivamente.
    scusami, il caldo gioca brutti scherzi. =)
    entropio33

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.