I Ghiacci dell’alaska, sono troppo spessi, per gli orsi polari

Premessa

Spesso, la nostra navigazione in rete, è infastidita, sia alla nostra sinistra, come alla destra, da vari banner pubblicitari, principalmente di carattere economico. Ultimamente, la mia attenzione è caduta, sulla attuale campagna del WWF.

Un breve stralcio dell’intestazione e della specifica pagina web, con annesso, il relativo video :

ADOTTA UN ORSO POLARE

L’Orso polare è in pericolo! A causa del riscaldamento climatico, i ghiacci dell’Artico stanno fondendo a ritmi impressionanti e gli orsi polari non riescono più a trovare il cibo necessario al loro sostentamento. Adotta ora un orso polare! Con il tuo contributo proteggeremo gli orsi polari dal bracconaggio e faremo pressione sui governi per proteggere l’Artico, la casa dell’orso bianco.

..

Quando l’orso polare è stato messo sulla lista delle specie in via di estinzione, nel 2008, questa è diventata la prima specie da mettere sulla lista in base a ciò che “potrebbe” accadere al loro ambiente e il habitat. I gruppi ambientalisti hanno sostenuto che il riscaldamento globale è una grave minaccia per l’orso polare e quindi, anche loro devono essere aggiunti nella lista :  “in via di estinzione”,  nel caso in cui, un giorno si trasformasse in realtà, la loro estinzione, a causa del cambiamento climatico.

Oggi, sono passati, solamente pochi anni, scopriamo, che gli orsi polari in Alaska si trovano ad affrontare un grave problema:

CNS news riferisce che c’è troppo ghiaccio, ecco i dettagli :

Con uno spessore di cinque metri di ghiaccio, la sopravvivenza  degli orsi polari e seriamente minacciata, nella regione meridionale del mare di Beaufort, lungo la costa artica dell’Alaska, secondo il Dott. Susan J. Crockford, un biologo evolutivo della British Columbia, che ha studiato gli orsi polari per la maggior parte dei suoi 35 anni, della sua carriera.

Questo perché, le spesse creste di ghiaccio potrebbero impedire, alle foche, di creare, quei di fori di respirazione, di cui hanno bisogno per sopravvivere nelle acque gelide e quindi vivere, e naturalmente poi diventare prede per gli orsi. Questo è quanto ha riferito, Crockford, alla CNSNews.com.

Ricordate quando gli allarmisti del riscaldamento globale sostenevano che gli orsi polari sarebbero annegati, grazie allo scioglimento dei ghiacci ?

Vorrei sottolineare, il nome scientifico dell’orso polare è Ursus maritimus, che significa :

Ursus: Orso ; Maritimus: Acqua ; Traduzione: Orso d’acqua

L’idea che hanno venduto certi gli scienziati, per diversi anni, è stata : “gli orsi polari stanno affogando! Li dobbiamo salvare attraverso la regolamentazione del governo e i soldi dei contribuenti!” . Abbiamo veramente fatto nostra, la tesi, secondo cui, la maritimus Urusus o orso d’acqua, stava annegando ? Perché, non sono state rilasciate delle foto che mostrano gli “orsi polari morti che galleggiano” nella regione artica?

..

Personalmente, non ho nulla contro l’iniziativa benefica del WWF. Iniziativa che mira alla totale salvaguardia della loro specie. Credo tuttavia, che una maggiore e più approfondita informazione della situazione attuale dei ghiacci artici, sia necessaria, da parte di certe associazioni…

😉

Fonti :

http://adozioni.wwf.it/adozioni.aspx?adotta=orsopolare&utm_source=WWF&utm_medium=bannerHP&utm_campaign=Orso%20Polare

http://townhall.com/tipsheet/katiepavlich/2014/04/28/polar-bears-face-problems-thanks-to-too-much-ice-n1830450

 

Michele

Hatena Bookmark - I Ghiacci dell’alaska, sono troppo spessi, per gli orsi polari
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

4 pensieri su “I Ghiacci dell’alaska, sono troppo spessi, per gli orsi polari

  1. Ciao Michele, ben tornato, poi ci racconterai com’è andata.

    Anche l’anno scorso diversi scienziati ed ambientalisti sono rimasti bloccati dai ghiacci nel tentativo di percorrere il passaggio a nord ovest.
    Puntualmente in pochi ne hanno parlato.

    Ciao

      (Quote)  (Reply)

  2. Ragazzi un saluto a tutti; sono anni che non scrivo ma vi seguo sempre! una curiosità..da un po di tempo a questa parte ogni qualvolta che mi connetto alla pagina la stessa va in crash…come mai?

      (Quote)  (Reply)

  3. fabiov:
    Ragazzi un saluto a tutti; sono anni che non scrivo ma vi seguo sempre! una curiosità..da un po di tempo a questa parte ogni qualvolta che mi connetto alla pagina la stessa va in crash…come mai?

    Si è vero, il perchè non lo sò….

      (Quote)  (Reply)

  4. La vera minaccia per questi animali e molti altri è data dalla presenza dell’uomo e di alterazioni antropiche dell’ambiente, non ultima la diffusione di rifiuti e resti di accampamenti. Gli orsi ne sono attratti come tanti altri animali frugivori (uccelli, volpi, ecc.) e ne restano vittime inconsapevoli.
    L’immagine dell’orso alla deriva su un blocco di ghiaccio è uno degli emblemi dell’ambientalismo sfrenato e incontrollato, che si nutre di ignoranza e pressapochismo, ma incapace di associare i problemi dell’artico a disastri quali, il naufragio della Exxon Valdez, o la caccia e la pesca di frodo lungo tutte le coste del Mar Glaciale Artico, o le più recenti estrazioni di idrocarburi dai sedimenti argillosi (Canada e Siberia). Sono sempre più convinto che le aree protette siano uno stratagemma per poter sfruttare all’inverosimile quelle che non lo sono. In altre parole gli ambientalisti sono un sottoprodotto della più miope civiltà dei consumi.

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.