Non c’è solo Africa, ci sono anche dati freddi per gli amanti del freddo

Oramai è sotto gli occhi di tutti, l’estremizzazione climatica locale a livello globale è sempre più evidente con una maggiore esaltazione dei fenomeni nei mesi di mezzo, Aprile-Maggio oppure Ottobre-Novembre. Infatti, dopo aver trascorso (localmente, nel mediterraneo), l’inizio del mese con una doppia ondata di caldo di matrice africana, con record annessi, la seconda parte del mese di Maggio si sta concludendo con una forte ed incisica perturbazione nord-atlantica. Rinfreschiamoci quindi, con questa serie dati che sono circolati in rete in settimana. Dati, che nel vero e proprio senso della parola, stanno facendo la felicità tutti gli amanti del freddo. Questo è un veloce resoconto, ripreso dal blog di un nostro ex-editor Sand-rio.

…..

La stagione del ghiaccio che si scioglie in Groenlandia sta iniziando con più di un mese di ritardo, con la costa ancora sepolta dalla neve, mentre l’estate inizierà presto in Groenlandia.

Al momento, non vi è quasi nessun scioglimento, e quest’anno la quantità di fusione è al di sotto del precedente minimo storico.

Il Polo Nord non è mai stato così freddo in questo periodo dell’anno, almeno secondo le informazioni dal Servizio Meteorologico Danese.

Ebbene, in questo periodo dell’anno, dal 1958 ad oggi, le temperature non sono mai state così basse sopra il Polo Nord, rimanendo al di sotto del livello di almeno 3° C . E’ un periodo dell’anno in cui la temperatura polare aumenta rapidamente. In genere, tra giugno e agosto, la temperatura polare può aumentare di qualche grado sopra lo zero, ma quest’anno c’è stato un calo improvviso e anomalo della temperatura ai primi di maggio. Calo, che non era mai stato registrato nel periodo 1958 -2014.

Quindi, mentre il ghiaccio artico si stanno riprendendo gradualmente, pur partendo da posizione molto arretrata, il ghiaccio Antartico si sta espandendo quasi ogni mese. E’ il caso del mese di aprile, quando venne registrato un nuovo record di espansione del ghiaccio antartico. E’ anche interessante notare la linea di tendenza: la superficie del mare ghiacciato nell’emisfero sud tende ad aumentare nel mese di aprile, ad un tasso del 4,1% per decennio ! Secondo NSIDC, si è stabilito un nuovo record di crescita del mare Antartico per il mese di aprile 2015, battendo così il 2014, che a sua volta, aveva stabilito un nuovo record.

Nella mappa qui sopra è evidente come il ghiaccio marino è sopra la media in tutto il continente Antartico.

Nel frattempo, secondo Bob Tisdale, è anche evidente nel grafico che segue come la temperatura della superficie dell’oceano Meridionale continua a scendere.

 

Fonte : https://sandcarioca.wordpress.com/2015/05/20/a-antartida-em-abril-estabelece-um-novo-recorde/

Hatena Bookmark - Non c’è solo Africa, ci sono anche dati freddi per gli amanti del freddo
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

4 pensieri su “Non c’è solo Africa, ci sono anche dati freddi per gli amanti del freddo

  1. carmelo,
    In realtá l’estensione dei ghiacci artici è poco significativa in questo periodo di transizione tra massimo e minimo: per avere il “polso” della situazione contano l’estensione massima e soprattutto quella minima. E poi conta la quantitá di ghiaccio pluriennale rispetto al totale della superficie ghiacciata.

      (Quote)  (Reply)

  2. FabioDue,

    FabioDue,
    quello che dici è vero, ma i grafici di sinistra indicano l’area, che è strettamente connessa con la concentrazione e lo spessore del ghiaccio (almeno: questo è quello che so). di conseguenza (e tu mi correggerai se dico una sciocchezza), maggiore sarà la percentuale di ghiacci pluriennali, molto compatti, e maggiore sarà l’area, e secondo me dal grafico questo non si vede.
    saluti

      (Quote)  (Reply)

  3. Ciao carmelo !
    La prima osservazione/pensiero che mi passa per la mente e che chiaramente non si può relazionare il pack artico con la sola variabile delle temperature (aria). Non è così semplice e non può essere così diretta la relazione, ci sono anche le possibili influenze delle correnti marine, la possibile attività geotermica. L’artico è fra il Canada e la Siberia due grandi poli magnetici, l’artico è per natura una regione dalle dinamiche complesse.

    http://www.vukcevic.talktalk.net/NFC.htm

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.