Le correnti atlantiche causano i cambiamenti climatici in Europa

Gli allarmisti del cambiamento climatico indicano gli ultimi decenni del clima europeo per rafforzare la loro ipotesi che il riscaldamento globale ha preso il continente nella sua morsa. Un nuovo rapporto mostra che in questo  recente caldo non c’è niente di anormale o senza precedenti, nel corso del 1990 c’è stato semplicemente un ritorno alla situazione che si é avuta giá durante tra il 1931 e il 1960. La ragione del cambiamento sono le temperature oceaniche calde, che sono a loro volta guidate dalla variazione delle correnti oceaniche calde dai tropici. Il record strumentale mostra che, rispetto alla temperatura media del resto degli oceani del mondo, la temperatura del Nord Atlantico ha oscillato tra  fasi di insolitamente calde e insolitamente fresce, ciascuno della durata di diversi decenni. Registrazioni paleoclimatiche suggeriscono che simili variazioni  si estendono molto più indietro nel tempo. Il modello di variazione multidecadale osservato nel Nord Atlantico delle temperatura superficiale del mare (SST) è diventato noto come il Multidecadal Atlantic Oscillation (AMO).

Il cambiamento climatico avviene in cicli sia lunghi che corti. Il ciclo lungo più drammatico  che gli esseri umani hanno sperimentato nel tempo è l’alternanza del fenomeno Era Glaciale nei periodi glaciali e periodi interglaciali. Nel corso degli ultimi 800.000 anni o giù di lì, il mondo si gela per 100.000 anni e poi si scioglie improvvisamente per 15-25,000 anni. Tra i  cicli  brevi il piú conosciuto é l’alternanza del El Niño / La Niña  nell´Oceano Pacifico, che viene accusato per il maltempo o le secche in Nord America e un altro ciclo ben noto  é quello dei monsoni in Asia. Vi sono, tuttavia, molti cicli  intermedi che funzionano su scale sia di decenni che di centinaia di anni.

Tali cicli sono problematici per gli scienziati del clima perché è molto difficile capire la differenza tra uno ciclo naturale e un ciclo che subisce una influenza da parte dell’attivitá umana.  E ‘molto facile da osservare un aumento della temperatura che cresce e decresce in un periodo di mezzo secolo e di errore che per qualcosa causato dalle attività umane. Una nuova relazione su Nature  ” L’influenza dell’oceano atlantico nei cambiamenti del clima europeo nel 1990 , “di Rowan T. Sutton e Buwen Dong, dà uno sguardo a un tale ciclo di  lunghezza intermedia che è stato confuso da decenni dagli scienziati del clima in Europa. Ecco l’abstract:

Il clima europeo presenta una variabilità, su una vasta gamma di tempi. Comprendere la natura e i driver di questa variabilità è un passo essenziale per lo sviluppo di previsioni climatiche robuste e per la valutazione dei rischi. L’Oceano Atlantico è  un importante fattore di variabilità nel clima europeo su scale temporali decennali, ma l’importanza di questa influenza negli ultimi decenni è stata poco chiara, in parte a causa delle difficoltà nel separare l’influenza dell’Oceano Atlantico da altri contributi, ad esempio, da quello tropicale dell’oceano Pacifico e dalla stratosfera. Qui analizziamo quattro set di dati ottenuti da osservazioni, per dimostrare, che nel corso del 1990, c’è stato un cambiamento sostanziale nel clima europeo verso un modello caratterizzato da anomali estati umide nel nord Europa, e estati calde secche  in Europa meridionale, con spostamenti relativi in primavera e in autunno. Questi cambiamenti del clima hanno coinciso con un riscaldamento sostanziale del Nord Atlantico, verso una situazione che era stata vista l’ultima volta nel 1950. I modelli di cambiamento climatico europeo nel 1990 sono coerenti con le precedenti modifiche  attribuite all’influenza dell’Atlantico settentrionale e forniscono prove convincenti che l’Oceano Atlantico è stato il fattore chiave. I nostri risultati suggeriscono che il recente andamento delle anomalie nel clima europeo si manterrà sino a quando l’Oceano Atlantico settentrionale rimane anomalmente caldo.

La frase chiave è “visto l’ultima volta nel 1950“. Un attento esame dei dati storici rivela, che quanto è successo in Europa negli ultimi due decenni, è successo, più di mezzo secolo prima. Precisando che “anomalia”, significa semplicemente una variazione di qualche grado della linea di base scelta. I modelli delle anomalie delle temperature superficiale dell’aria (SAT)  in Europa per i due periodi caldi sono molto simili, come mostrato nella figura seguente :


Anomalie in Sat durante le fasi recenti caldi della AMO, relativi alla fase intervenire fresco.

In tutte e tre le stagioni, le anomalie calde si trovano, ma non vi è variazione stagionale. In primavera, significative anomalie calde sono limitate verso l’Europa occidentale, con le maggiori anomalie (> 0,8 ° C) in Europa occidentale continentale. In estate, le anomalie calde si estendono molto più ad est in Europa centrale e orientale e le maggiori anomalie (> 1,0 ° C) si trovano nelle regioni meridionali che si affacciano sul Mar Mediterraneo. In autunno, invece, le anomalie calde sono limitate al Nord Europa, e le maggiori anomalie (> 1,0 ° C) si trovano sulla Scandinavia.

La somiglianza tra i due periodi caldi possono essere viste anche nella evoluzione stagionale del Central England Temperature (CET). Questi risultati sono in linea con le correlazioni medie stagionali  tra l’AMO e CET, riportati in altri studi e suggeriscono che lo stato caldo del Nord Atlantico favorisce una primavera mite (soprattutto aprile), estate e autunno, in Inghilterra e in tutta Europa. Ci sono anche anomalie caratteristiche  nelle precipitazioni che accompagnano questo andamento ciclico, vedere la carta per i dettagli. 

” I nostri risultati migliorano in modo significativo il crescente corpo di evidenze che l’Oceano Atlantico è un fattore chiave della variabilità decennale nel clima in Europa e altre regioni. Essi inoltre suggeriscono che il recente andamento delle estati umide del nord Europa e delle estati calde e secche in Europa meridionale (e gli schemi relativi di caldo, asciutto nel nord-ovest Europeo, caldi autunni asciutti in Scandinavia, e autunni umidi in Europa sud-orientale)  dovrebbero continuare finché l’attuale fase calda dell´ AMO persiste. Tuttavia, non è chiaro per quanto tempo questo sarà. Questa incertezza riflette le lacune nella comprensione dei fattori che guidano l’AMO. “

È interessante notare che i risultati di questo nuovo studio sono in buon accordo con alcune  fotografie  vecchie di 80 anni. Fotografie provenienti dalla Groenlandia. Quelle foto hanno rivelato che questa non è la prima volta che c’è stato un periodo di ritiro dei ghiacciai in Groenlandia . 

A Heinkel hydroplane after returning from a surveying mission during Knud Rasmussen’s expedition to Greenland (ca 1933). Recently rediscovered aerial imagery from the past 80 years shows that the glaciers of southeast Greenland have responded vigorously on a decadal scale to both warming and cooling.

L´attuale scioglimento dei ghiacciai è un ulteriore per i credenti dell’apocalittico riscaldamento globale. Purtroppo per loro, i ghiacciai della Groenlandia stavano diminuendo  velocemente nel corso del 1930,  cosí come oggi.


L’AMO guida clima dell’Europa su una scala temporale multidecadale.

Il punto è…. se l’aumento delle temperature dal 1970 ad oggi può essere attribuito alla comparsa della fase calda di questo ciclo atlantico settentrionale. La causa immediata del ciclo è il rafforzamento e l’indebolimento della corrente meridionale (MOC), il tanto conclamato nastro trasportatore oceanico . Gli scienziati che studiano il MOC vi diranno che la forza del suo flusso presenta forti variazioni nel corso del tempo e non c’è ragione di aspettarsi che non cambi in futuro.

Quindi, se l’Europa è in fase di caldo per un lungo fenomeno ciclico decennale climatico, le temperature in Europa dovrebbero aver raggiunto il picco alla fine del 1990 e lí rimanere più o meno a lungo. Se, invece, il riscaldamento nel corso degli ultimi decenni è stato a causa di questo pauroso flagello della  CO 2, l’andamento della temperatura avrebbe dovuto essere sempre in aumento in rapporto con i livelli di gas serra che sono aumentati. Sì, qui sta il problema.

Vedete, i dati tranquillamente rilasciati dal Met Office del Regno Unito e che mostrano che a partire dall’inizio del 1997 fino ad agosto 2012, non vi é alcun aumento visibile nelle temperature globali. In altre parole, il calore del mondo si é fermato  quasi 16 anni fa. 

L’andamento è mostrato nella figura seguente.


Grafico che mostra 16 anni di variazione di temperatura.

Come riportato dal britannico Daily Mail , i nuovi dati, raccolti da oltre 3.000 punti di misura di terra e di mare, è stato rilasciato tranquillamente su internet, senza alcun clamore dei media. ” Ciò è in netto contrasto con la pubblicazione dei dati precedenti sei mesi prima, che è andato solo alla fine del 2010 – un anno molto caldo”, afferma l’articolo on-line. “Porre fine i dati significa, allora che è possibile mostrare una leggera tendenza al riscaldamento dal 1997, ma il 2011 e i primi otto mesi del 2012 sono stati molto più freschi, e quindi questa tendenza viene cancellata.” Questo per quanto riguarda l’oggettività scientifica del Met Office.

Il Daily Mail ha chiesto ad alcuni esperti del clima  il loro parere:

Alcuni scienziati del clima, come il professor Phil Jones, direttore della Climatic Research Unit presso l’Università di East Anglia, la scorsa settimana ha respinto il significato dellappiattimento delle anomalie delle temperatue, dicendo che 15 o 16 anni è un periodo troppo breve, per trarre conclusioni.

Altri non sono d’accordo. Il professor Judith Curry, che è il capo del prestigioso dipartimento di scienza del clima del Georgia Tech University, ha detto al Mail e al Sun che era chiaro che i modelli informatici utilizzati per prevedere il riscaldamento futuro erano ‘profondamente sbagliati’.

Anche Prof Jones ha ammesso che lui e i suoi colleghi non hanno capito l’impatto della ‘variabilità naturale’ – fattori quali cicli oceanici a lungo termine sulle temperatura e le variazioni nella produzione di energia del sole. Tuttavia, ha detto che era ancora convinto che il decennio in corso sarebbe finito molto più caldo rispetto ai due precedenti.

Divertente… quando abbiamo avuto un decennio di aumento delle temperature, la tendenza era “ovvia” e un segno sicuro di una imminente crisi globale. Ora  dicono che le  ipotesi scientifiche  del riscaldamento globale, del buon dottor Jones, sono veritiere nella loro valutazione dei dati climatici, ma possono slittare di qualche decennio. Il dottor Curry ribatte che i modelli al computer, che ci profetizzano tutto questo riscaldamento globale dell’IPCC sono come la storia dello stregone (Messo a fine articolo :smile:) e che sono profondamente sbagliati. 

Forse i media finalmente metteranno la testa fuori dalla sabbia e vedranno la verità che il riscaldamento globale è una truffa perpetrata da un certo numero di “poveri” scienziati  al fine di promuovere il loro ego e assicurare il finanziamento pubblico delle loro inutili ricerche. Forse l’IPCC pubblicherà un giorno un rapporto  e dirà  “abbiamo scherzato sulla fine del mondo finito al forno e sulla CO2”.

Ma questo naturalmente succederá quando i maiali voleranno.

La triste verità è che troppi  scienziati del clima  hanno continuato a registrare il sostegno al riscaldamento antropogenico globale come una crisi terribile. Troppi hanno messo in campo la loro reputazione, la carriera e il portafogli per poter fare una ritrattazione. La cosa migliore da fare per questi sapienti fuorviati  è rimanere in silenzio e arrivare tranquillamente alla pensione, ma ahimè, non lo faranno. Come Max Plank ha detto:

La verità trionfa quando muoiono  i suoi avversari . La scienza avanza un funerale alla volta.

SAND-RIO

http://theresilientearth.com/?q=content/atlantic-currents-cause-european-climate-change

Cosí come scritto sopra, vi dico come fanno le previsioni meteo quelli che lavorano anche per l’IPCC:

” Un giorno un pellerossa contadino preoccupato per l´imminente inverno, va dal suo stregone per chiedere come sará la prossima stagione. Lo stregone butta in aria le pietrine, fuma nel calumet un miscuglio poco conosciuto e non raccomandabile, fa una danza, batte il tamburo, va in trance, si gratta le parti basse e alla fine rivela al contadino che il prossimo inverno sará freddo e duro e che avrebbe dovuto raccogliere della legna in piú per affrontare i rigori del freddo. Il contadino se ne va e racconta a tutti quanto gli aveva detto lo stregone e cosí tutti quelli della tribú si affrettano ad andare nei boschi a raccogliere legna. Dopo qualche settimana peró lo stregone ha qualche dubbio e telefona all´ufficio meteo nazionale americano per sapere dagli scienziati cosa prevedono i loro modelli fatti con i potenti e costosissimi computer. Dall´altra parte del telefono lo avvertono che il prossimo inverno sará molto freddo e durissimo perché un loro osservatore ha visto che alcune tribú di pellerossa stavano raccogliendo un monte di legna per riscaldarsi e affrontare la stagione invernale “

Ciao a tutti…..

Hatena Bookmark - Le correnti atlantiche causano i cambiamenti climatici in Europa
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

18 pensieri su “Le correnti atlantiche causano i cambiamenti climatici in Europa

  1. Che il riscaldamento antropogenico sia una bufala non significa che non esista un CAMBIAMENTO CLIMATICO.

    Di conseguenza se non antropogenico è NATUROGENICO (se mi permettete il termine) e questa è una BANALITA enorme. Se non lo causa l’uomo è NATURALE (che poi l’uomo non sia anche lui natura ne potremmo parlare).

    Questo non significa che non dobbiamo preoccuparcene visto che comunque è sotto gli occhi di tutti che certi avvenimenti meteorologici per lo meno non si verificavano da svariati decenni o secoli. (vedi uragani così a nord).

    Ripeto: il fatto che E’ NORMALE PER LA TERRA e che magari è un discorso di CICLICITA’ non significa che non faccia dei danni e che non dobbiamo preoccuparci o valutare.

    come a dire: SOno stupidi quelli che pensano che visto che il sole sta tramontando moriremo tutti, è una cosa ciclica e poi risorgerà…

    ovviamente questo non significa che non dobbiamo preoccuparci del fatto che però stanotte farà freddo…..

      (Quote)  (Reply)

  2. Bellissima l’ultima parte….
    Che il clima si comporti in modo meno prevedibile e’ palese come lo e’ il fatto che i suoi cambiamenti dipendono da mille fattori e l’uomo e’ solo uno di questi.
    Il problema e’ che c’e’ stato chi ha lucrato e vuole continuare a lucrare sulla facile creduloneria della gente che non scolla gli occhi dalle tv o dalle playstation… E prende per vera ogni baggianata solo perche l’ha detta quel tizio famoso…
    Cosi facendo anche una vasta parte del mondo scientifico ha preferito seguire la corrente con il risultato che non ha cercato la verita, salvo poi ricredersi come stanno facendo alcuni ultimamente.
    E la verita e’ che non sappiamo ancora praticamente nulla, intuiamo qualcosa dei meccanismi naturali grazie a chi, come qui su NIA , cerca nuove spiegazioni sulla base di osservazioni non “drogate” ma ancora il quadro non e’ completo perche’ ci mancano millenni di dati.
    Percio l’unica cosa fattibile e’ congetturare sulla base di cio ch si sa e man mano adeguarsi sulla base delle nuove scoperte.
    Ma almeno una pernacchia ad Al Gore lasciatemela fare…. PRRRRRRRRRRRRRRRR !!!

      (Quote)  (Reply)

  3. ” Un giorno un pellerossa contadino preoccupato per l´imminente inverno, va dal suo stregone per chiedere come sará la prossima stagione. Lo stregone butta in aria le pietrine, fuma nel calumet un miscuglio poco conosciuto e non raccomandabile, fa una danza, batte il tamburo, va in trance, si gratta le parti basse e alla fine rivela al contadino che il prossimo inverno sará freddo e duro e che avrebbe dovuto raccogliere della legna in piú per affrontare i rigori del freddo. Il contadino se ne va e racconta a tutti quanto gli aveva detto lo stregone e cosí tutti quelli della tribú si affrettano ad andare nei boschi a raccogliere legna. Dopo qualche settimana peró lo stregone ha qualche dubbio e telefona all´ufficio meteo nazionale americano per sapere dagli scienziati cosa prevedono i loro modelli fatti con i potenti e costosissimi computer. Dall´altra parte del telefono lo avvertono che il prossimo inverno sará molto freddo e durissimo perché un loro osservatore ha visto che alcune tribú di pellerossa stavano raccogliendo un monte di legna per riscaldarsi e affrontare la stagione invernale “

    bellissima questa parte

      (Quote)  (Reply)

  4. Caro Sand, basta attendere una decina di anni e vedere se quella stazionarietà di temperatura dal 1997 al 2012 diverrà riduzione o meno…..

      (Quote)  (Reply)

  5. Mi sembrava di aver letto da qualche parte, che questo inverno negli u.s.a sarebbe stato il più caldo di sempre.Non e che aveva ragione lo stregone pellerossa? Che ne dite? Comunque forza nia che tra non molto ci divertiremo a parlare di SOLE.

      (Quote)  (Reply)

  6. RIKI :Mi sembrava di aver letto da qualche parte, che questo inverno negli u.s.a sarebbe stato il più caldo di sempre.Non e che aveva ragione lo stregone pellerossa? Che ne dite? Comunque forza nia che tra non molto ci divertiremo a parlare di SOLE.

    mah, difficile dirlo a questo punto.
    http://www.cpc.ncep.noaa.gov/products/CFSv2/htmls/usT2me3Sea.html
    per quello che valgono, le previsioni stagionali dicono altro: forse più caldo nel sudovest, ma non altrove. E freddo a nord degli USA.

      (Quote)  (Reply)

  7. Il nostro presidente …oramai “onorario” ….
    Non ha risposto a due mail che gli ho inviato questa settimana.
    😀

    Abbiate pazienza a breve un piccolo mistero (articolo) da risolvere in homepage.

      (Quote)  (Reply)

  8. daniele :Veramente il grafico del cet evidenzia un riscaldamento ben maggiore negli anni 1992-2011 che nel periodo 1931-60!

    quale grafico? Puoi postarlo per favore?

    Il diagramma di temperatura del NOAA mostra una sostanziale stazionarietà delle temperature, dal 1997 al 2011.
    Basta vedere qui per convincersene (report annuale NOAA 2011):
    http://www.ncdc.noaa.gov/sotc/global/2011/13

    il fatto che le temperature attuali siano superiori a quelle degli anni 30 ci può stare, se si considera il ruolo del Sole, la cui attività intensa ha avuto inizio proprio negli anni 30 e si è conclusa quasi 70 anni dopo, cioè 6-7 anni fa.
    Diamo tempo al tempo……

      (Quote)  (Reply)

  9. Io ho semplicemente ripreso le frasi di Sand-rio “in questo recente caldo non c’è niente di anormale o senza precedenti, nel corso del 1990 c’è stato semplicemente un ritorno alla situazione che si é avuta giá durante tra il 1931 e il 1960” e “La somiglianza tra i due periodi caldi possono essere viste anche nella evoluzione stagionale del Central England Temperature (CET)”. Il grafico è nella home page del Cet.

      (Quote)  (Reply)

  10. http://www.repubblica.it/ambiente/2012/11/10/news/livello_marino-46260903/?ref=HRERO-1

    A questo link si fa la solita tragedia sull’innalzamento catastrofico del mare. Io non ne posso più di sentire questa cosa, va avanti da decenni. C’e’ qualcuno che riesce a dire come stanno davvero le cose e, soprattutto, a tirare fuori vecchie previsioni non avveratesi in modo da sbugiardarne qualcuno di questi insopportabili signori?

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.