Il pensiero di altri .. su questo prossimo massimo, però forse più minimo solare + Centrata una nuova finestra di indicazione incremento dell’attività sismica globale

E’ stata una settimana, nella quale sono andato un pò in giro per la rete, in cerca di valutazioni, impressioni sulla attuale situazione solare.

Sono passato dal blog di Antony Watts, dove è continuamente in atto una guerra scientifica fra i sostenitori delle dinamiche planetarie legate alla genesi ed evoluzione del ciclo solare (vedi i presenti Geoff Sharp, Roger Tattersall, Nicola Scafetta, Misha Vukcevic e altri … ) per passare al forum su Meteo Giornale, per finire sul forum di Astronomia.com in cerca, lo ripeto, di valutazioni, confronti, informazioni su questo prossimo massimo solare ?

Perchè ?

Perchè, a mio parere è importante ascoltare, scambiare, cercare informazioni “scientifiche” anche con altre piattaforme, per acquisire, non solo ulteriori dati, ma assaggiare, nel vero e proprio senso della parola, la temperatura, gli stati d’animo, dei vari appassionati nel settore e non.

Ad esempio, il Dott. Leif Svalgaad grande studioso delle dinamiche solari, in settimana, si è lasciato andare ad un’affermazione molto importante, che cela a mio parere un importante messaggio velato fra le righe.

http://wattsupwiththat.com/2012/11/0…omment-1137701

The Panel prediction of 90 was too high to begin with [as I pointed out already back then] but was a compromise [so much for science]. My own prediction stands at 72. An unknown element is the effect of the Livingston and Penn effect, which will lead to an undercount of sunspots compared to to the magnetic fields present: http://www.leif.org/research/Disappe…ible-Spots.pdf
There is no doubt that the Sun is ‘up to something’. What it is we don’t know. One may speculate that a Maunder Minimum is in the cards.

 

Il mio pensiero trova conferma anche nella parole di Aldo Meschiari, su forum di MTG. Aldo scrive :

http://forum.meteogiornale.it/showthread.php?t=68688&page=6

Se questo lo ha scritto Svalgaard allora qualcosa di grosso bolle in pentola…

Poi, ho deciso di fare un passo rischioso, visto i precedenti :

http://daltonsminima.altervista.org/?p=19158

Dopo essermi inscritto qualche mese fa su Astronomia.com, ho deciso, un paio di giorni fa, di aprire una discussione sul loro forum,  in cerca di valutazioni scientifiche,  in riferimento a questo minimo solare e alle molte ricerche scientifiche che  giorno dopo giorno sembrano evidenziare le varie ciclicità solari  (vedi ad esempio le recenti carte del Dott.Nicola Scafetta o di Ivanka Charvatova )

http://www.astronomia.com/forum/showthread.php?1323-L-inizio-del-grande-minimo-solare

Non ce sta censura, ma cosa dire, la temperatura ( non solare ) sta salendo….

🙂

Quindi, abbiamo una vera e propria ciclo-mania, come la definisce Leif :

http://wattsupwiththat.com/2012/11/06/solar-cycle-24-continues-weakly-perhaps-weakest-of-the-space-age/#comment-1141469

Ray Tomes says:
November 9, 2012 at 12:49 pm
I have found that often the modulation period is matched to other known cycles.
Clearly, cyclomania cannot be rationally discussed as it seems to be an article of faith for believers.

Vi, mi  domando quindi, se questo interesse  ( in riferimento a queste anomale dinamiche solari ) inizia a salire nel vari blog, forum, che cosa potrai mai succedere un giorno, se i lavori dei vari ricercatori passati e presenti confermeranno ancora di più la ciclicità dell’attività solare e lo stretto legame con il clima.

Però signori miei c’è anche una possibile alternativa….ossia, che resti tutto come, ad esempio….

“……….Ho sognato stanotte che il fanatici del GW dichiaravano nel 2020 che le copiose nevicate e il forte abbassamento delle temperature era dovuto alle pesanti soluzioni adottate per contrastare l’effetto serra  e che quindi…si era innescato un meccanismo opposto …aiutttooooo !!!……”

🙂

Vi saluto, buona Domenica

Michele

 

P.S.

In settimana esce un nuovo lavoro  di Riccardo,  sul prossimo inverno, non mancate !

Update : Abbiamo delle nuove conferme sulle ciclicità solari by Dott.Archibald !

http://wattsupwiththat.com/2012/11/10/is-there-is-a-planetary-influence-on-solar-activity-it-seems-so-according-to-this-new-paper/

Conclusion

This paper is a major advance in our understanding of how solar activity is modulated and in turn its effect on the earth’s climate. It can be expected that planetary torque will progress to being useful as a tool for climate prediction – for several hundred years ahead.

———————————————————————————————————————————————————————————————————————–

Update del 12-11-2012

Nuova previsione di incremento attività sismica terrestre centrata.

Previsione scritta il 12 Settembre 2012

http://daltonsminima.altervista.org/?p=22873

Ripropongo l’animazione creata il 12 Settembre 2012 e che evidenzia l’ingresso in luna nuova e il prossimo passaggio di Mercurio.

 

La conferma in questa immagine.

Jpg che mostra il trigger lunare nei due eventi di magnitudo M5.9 in Perù e nel terremoto di magnitudo M6.8 a Myanmar.

Michele

Hatena Bookmark - Il pensiero di altri .. su questo prossimo massimo, però forse più minimo solare + Centrata una nuova finestra di indicazione incremento dell’attività sismica globale
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

19 pensieri su “Il pensiero di altri .. su questo prossimo massimo, però forse più minimo solare + Centrata una nuova finestra di indicazione incremento dell’attività sismica globale

  1. indipendentemente da quello che dicono o pensano i fanatici di astronomia che il sole sia diretto ad una fase di minimo prolungato lo capirebbe anche uno alle prime armi.
    e se la Nasa che dovrebbe possedere le conoscenze più ampie e generali sull’argomento in 6 anni non è stata in grado di portare una previsione seria e sensata per questo minimo la cosa logica che uno è portato a pensare è che le conoscenze solari ad oggi possedute sono insignificanti.

    ma i fanatici non lo diranno mai

      (Quote)  (Reply)

  2. ah, rispondendo in anticipo all’articolo di Riccardo dico che per inizio dicembre pubblicherò nuovamente la previsione invernale utilizando esclusivamente l’ENSO come fattore predittivo.

    l’anno scorso le 2 previsioni indipendenti che avevamo fatto portare allo stesso tipo di previsione e prendemmo correttamente solo il mese di Gennaio

    per cui, speriamo di fare meglio stavolta 😀

      (Quote)  (Reply)

  3. @FBO
    Vero, le conoscenze sulla dinamo solare sono tuttora insufficienti per elaborare previsioni attendibili all’inizio di un ciclo e spesso anche a ciclo iniziato.

    Riguardo le previsioni che avevamo fatto, non inquadrare un evento eccezionale come quello dello scorso Febbraio ci sta tutto. Però si può sempre migliorare, concordo 🙂

      (Quote)  (Reply)

  4. Solito sali e scendi del sole, in questi giorni vivremo una moderata attività, dopo che la prima settimana di novembre è stata a livelli davvero molto bassi!

    aventi così!

      (Quote)  (Reply)

  5. @ FBO
    E’ passato molto tempo ed ho la memoria molto corta, ma mi sembra che in quell’occasione nel mio articolo di fine dicembre presi con buona precisione le dinamiche stratosferiche di gennaio e di conseguenza quelle troposferiche di inizio febbraio (anche se si trattandosi di un mese e mezzo prima si accennava solo ad un possibile evento gelido di fine gennaio-inizio febbraio che poi come sappiamo si verificò)….
    comunque in questo caso, poichè siamo ancora ad inizio novembre si tratta di un articolo diverso, molto didattico in cui vengono analizzati gli indicatori predittivi (sole, ENSO ecc…)…
    comunque attendo con ansia il tuo lavoro…..

    @ Michele
    Visto che siamo in tema, volevo dirti che l’articolo lo carico domani (oggi causa derby di roma sono stato tutto il giorno fuori)….se domani non hai tempo di dedicarti a queste cose, posso provvedere io a programmare l’articolo per martedi mattina….dimmi tu….

    buona serata ragazzi…..

      (Quote)  (Reply)

  6. Riccardo :

    @ FBO
    E’ passato molto tempo ed ho la memoria molto corta, ma mi sembra che in quell’occasione nel mio articolo di fine dicembre presi con buona precisione le dinamiche stratosferiche di gennaio e di conseguenza quelle troposferiche di inizio febbraio (anche se si trattandosi di un mese e mezzo prima si accennava solo ad un possibile evento gelido di fine gennaio-inizio febbraio che poi come sappiamo si verificò)….
    comunque in questo caso, poichè siamo ancora ad inizio novembre si tratta di un articolo diverso, molto didattico in cui vengono analizzati gli indicatori predittivi (sole, ENSO ecc…)…
    comunque attendo con ansia il tuo lavoro…..

    @ Michele
    Visto che siamo in tema, volevo dirti che l’articolo lo carico domani (oggi causa derby di roma sono stato tutto il giorno fuori)….se domani non hai tempo di dedicarti a queste cose, posso provvedere io a programmare l’articolo per martedi mattina….dimmi tu….

    buona serata ragazzi…..

    Roma o Lazio? 😀

      (Quote)  (Reply)

  7. ice2020 :Solito sali e scendi del sole, in questi giorni vivremo una moderata attività, dopo che la prima settimana di novembre è stata a livelli davvero molto bassi!
    aventi così!

    E’ da aprile ormai che il solar flux compie un moto oscillatorio, con periodicità grosso modo mensile. Chissà quando ne uscirà……

      (Quote)  (Reply)

  8. FabioDue :

    ice2020 :Solito sali e scendi del sole, in questi giorni vivremo una moderata attività, dopo che la prima settimana di novembre è stata a livelli davvero molto bassi!
    aventi così!

    E’ da aprile ormai che il solar flux compie un moto oscillatorio, con periodicità grosso modo mensile. Chissà quando ne uscirà……

    Ciao Fabio, guarda nella tua casella di posta…..
    Battito regolare sembra… fin che resta così tutto ok, se comincia a somigliare ad una fibrillazione atriale o ad una tachicardia ventricolare son problemi…. dopo di quella (se “qualcuno ” non ci mette una “pezza”) si va in arresto cardiaco… Vero Simon??? 😀
    Bruno

      (Quote)  (Reply)

  9. Riccardo :

    @ FBO
    E’ passato molto tempo ed ho la memoria molto corta, ma mi sembra che in quell’occasione nel mio articolo di fine dicembre presi con buona precisione le dinamiche stratosferiche di gennaio e di conseguenza quelle troposferiche di inizio febbraio (anche se si trattandosi di un mese e mezzo prima si accennava solo ad un possibile evento gelido di fine gennaio-inizio febbraio che poi come sappiamo si verificò)….
    comunque in questo caso, poichè siamo ancora ad inizio novembre si tratta di un articolo diverso, molto didattico in cui vengono analizzati gli indicatori predittivi (sole, ENSO ecc…)…
    comunque attendo con ansia il tuo lavoro…..

    @ Michele
    Visto che siamo in tema, volevo dirti che l’articolo lo carico domani (oggi causa derby di roma sono stato tutto il giorno fuori)….se domani non hai tempo di dedicarti a queste cose, posso provvedere io a programmare l’articolo per martedi mattina….dimmi tu….

    buona serata ragazzi…..

    @Riccardo se hai scritto un pezzo sul deficit dei ghiacci artici ti debbo avvertire che il discorso
    dell’ albedo variata non funziona in caso della notte artica. Ovvero nell’ infrarosso il ghiaccio e l’ acqua hanno la stessa emissività 0,98 acqua 0,97 ghiaccio e ottimisticamente a 0,8 se é coperto da neve … secondo questa tabella http://www.fluke.eu/comx/show_product.aspx?locale=itit&pid=37822 . In pratica l’ emissività non é uguale 1-albedo o meglio é così solo per i corpi grigi che hanno emissività costante. Continua ad esistere la funzione isolante del ghiaccio.Ovvero l’acqua sotto il ghiaccio rimane circa a 0 gradi mentre la superficie va sotto zero. Quindi la dispersione per irraggiamento avviene a temperature diverse etc. etc.

      (Quote)  (Reply)

  10. il sole, sembra che abbia intenzione di andare continuamente ad alti e bassi, fino all’inversione dell’emisfero sud

      (Quote)  (Reply)

  11. @Michele

    ho letto la simpatica discussione su Astronomia.com…
    … mioddio …
    Diciamo che il taglio costruttivo si è perso al primo post.
    Dopo è stata una guerra di dialettica e “cherry picking” estrema…
    Quello che posso dire è che a volte gli astronomi amatoriali ripudiano l’astrofisica. Figuriamoci poi se si cerca di metterla in correlazione con altro come il clima.
    Probabilmente hai messo troppa carne al fuoco.
    Hai avuto anche una notevole resistenza.
    Comunque il tuo interlocutore ti ha fatto degli attacchi da dissociato mentale, e il suo avatar racconta molto della sua personalità. 😉

    Ciao
    Fano

      (Quote)  (Reply)

  12. Riccardo :
    @ Michele
    Visto che siamo in tema, volevo dirti che l’articolo lo carico domani (oggi causa derby di roma sono stato tutto il giorno fuori)….se domani non hai tempo di dedicarti a queste cose, posso provvedere io a programmare l’articolo per martedi mattina….dimmi tu….
    buona serata ragazzi…..

    Ok Ricca ….procedi

    FBO :

    Riccardo :
    Sempre e solo la Magica (Roma)……..

    allora butta male
    fine OT

    Allora butta male n°2.
    fine Ot
    😀

    fano :
    @Michele
    Probabilmente hai messo troppa carne al fuoco.

    Si intenzionalmente.
    hiii.hiiiiii…..
    😀

    fano :
    @Michele
    Hai avuto anche una notevole resistenza.

    Ciccio non e mica finita…
    🙂
    il guerriero si ritira per recuperare energie e poi sferrara l’attacco finale quando meno se lo aspettano…
    😎

    fano :
    @Michele
    Comunque il tuo interlocutore ti ha fatto degli attacchi da dissociato mentale, e il suo avatar racconta molto della sua personalità.
    Fano

    Si chiama dissonanza cognitiva.
    http://it.wikipedia.org/wiki/Dissonanza_cognitiva

    La dissonanza cognitiva è un concetto introdotto da Leon Festinger nel 1957 in psicologia sociale, e ripreso successivamente in ambito clinico da Milton Erickson, per descrivere la situazione di complessa elaborazione cognitiva in cui credenze, nozioni, opinioni esplicitate contemporaneamente nel soggetto in relazione ad un tema si trovano a contrastare funzionalmente tra loro; esempi ne sono la “dissonanza per incoerenza logica”, la dissonanza con le tendenze del comportamento passato, la dissonanza relativa all’ambiente con cui l’individuo si trova ad interagire (dissonanza per costumi culturali).

    Un individuo che attiva due idee o comportamenti che sono tra loro coerenti, si trova in una situazione emotiva soddisfacente (consonanza cognitiva); al contrario, si verrà a trovare in difficoltà discriminatoria ed elaborativa se le due rappresentazioni sono tra loro contrapposte o divergenti. Questa incoerenza produce appunto una dissonanza cognitiva, che l’individuo cerca automaticamente di eliminare o ridurre a causa del marcato disagio psicologico che essa comporta; questo può portare all’attivazione di vari processi elaborativi, che permettono di compensare la dissonanza.

      (Quote)  (Reply)

  13. @fano

    E’ facile cadere nel “’ouroboros”…visto che ogni cosa è ciclica…

    🙂

    Impostare sempre una comunicazione diretta e asettica altrimenti…
    adesso mi chiedono….

    Un mio pensiero e non articoli scientifici.
    ma….

    🙂

    Se avessi impostato come primo messaggio sul mio pensiero in partenza mi avrebbero chiesto documenti scientifici e non chiacchere…

    Parere personale < ---> documenti scientifici
    documenti scientifici < ---> Parere personale

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.