Mi sto rendendo conto che…

NIA sta attirando sempre di più un gran numero di persone…ma al contempo mi sto rendendo conto che la maggior parte degli utenti che ogni giorno leggono NIA, lo fanno perchè si augurano o sperano che il clima mondiale viri verso una Piccola Era Glaciale o cose simili.

Queste cose le dico non solo per certi messaggi che ogni tanto compaiono sul Blog stesso, ma anche perchè mi arrivano e-mail private della serie “Simon non mollare, gliela metteremo in quel posto all’IPCC” ed simili.

Ci tengo a precisare che sebbene ritenga la teoria catastrofista dell’IPCC una mera utopia, atta solo a prendere finanziamenti e soldi per favorire chi li sta intorno, che a sua volta rimpinguano le loro casse per avere poi un domani contratti multimilionari nelle energie rinnovabili, oggi come oggi il mondo scientifico si è stretto su tale teoria, cioè da quando si è innalzata la CO2, si sono innalzate anche le temperature globali, anche se non in maniera costante come la CO2!

Al momento quindi la posizione della scienza climatologica mondiale è schierata su questo dogma.

E ci sono possibilità che abbiano pure ragione.

Questo Blog si inserisce in un contesto delicato dunque, non crede che questa sia la verità, ma al contempo non ci “sputa” sopra.

Quello che voglio dirvi, e che vi ho già detto altre mille volte, è che qui non si vuole illudere nessuno, resto e restiamo della nostra idea, non è la CO2 ad aver provocato tutto ciò, ma dobbiamo considerare tutte le variabili.

Nia non vi sta promettendo nulla, Nia si basa sul fatto che il sole è il principale artefice del clima mondiale, ma bisogna aspettare.

Non mi demoralizzo per record di caldo, nè mi gaso per record di freddo…

Per favore, non leggete questo Blog con l’illusione che qualcosa debba cambiare un giorno, io sono il primo che vorrebbe ciò, ma allo stato attuale delle cose, la teoria più accreditata resta quella dell’IPCC…

A me non rimane altro che dirvi, che farò il massimo per confutare tale teoria coi dati di fatto…

Se questo inverno nevica ovunque, non mi muovo, ma se lo fa anche il prossimo ed il prossimo ancora, et ect ect—beh allora NIA avrà fatto centro!

Simon

Hatena Bookmark - Mi sto rendendo conto che…
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

38 pensieri su “Mi sto rendendo conto che…

  1. avevi scaricato il file con la simulazione del sistema solare?
    Ci avevo inserito i dati orbitali dei pianeti maggiori… Sfortunatamente non e’ tanto facile metterli “in fase” sia come assi orbitale che come posizioni reciproche….
    Devo fare una pensata per riuscire a “rimediare”……

    Pero’ e’ carino… ho provato a lanciare da lontano un altro corpo di dimensioni simili al sole e si vedono effetti “notevoli” … una partita a bocce cosmica 8)

      (Quote)  (Reply)

  2. simon, mi sono permesso di correggere qualcosa nel tuo discorso, alcune frasi si capivano male, ma c’è ne una che secondo me non ha proprio senso:

    Questo Blog si inserisce in un contesto delicato dunque, non crede che questa sia la verità, ma al contempo non ci “sputa” sopra.

    secondo me non è vero

      (Quote)  (Reply)

  3. Stavo per svenire leggendo l’articolo, pensavo “Finalmente Simon ragiona!”

    Poi questa frase “Se questo inverno nevica ovunque, non mi muovo, ma se lo fa anche il prossimo ed il prossimo ancora, et ect ect—beh allora NIA avrà fatto centro!” mi ha fatto ribaltare dalla sedia.

    Quindi tu giudichi l’andamento delle temperature GLOBALI dal fatto se nevica a casa tua o in Italia per 3 anni di fila?!

    Ma lo sai che se nevica non vuol assolutamente dire che fa freddo? Anzi, quando nevica vuol dire che non ci sono grosse irruzioni sottomedia ma soltanto del normale freddo.

    Simon, finalmente sei uscito allo scoperto: tu hai messo in piedi questo teatrino solo perchè vuoi veder nevicare.

    Voto:4–

      (Quote)  (Reply)

  4. si’ beh..cipp questa volta ha ragione..
    dai Simon per farti calmare ti mostro un grafico molto interessante..il numero delle macchie solari (nonchè l’attività geomagnetica della nostra stella) negli ultimi 12000 anni.
    http://i579.photobucket.com/albums/ss235/Flavio_scolari/c14nujs1.jpg

    “La cosa più interessante a mio avviso, è notare come l’attività magnetica della nostra stella fosse mediamente molto elevata durante il periodo di disgelo che seguì l’ultima grande glaciazione del Pleistocene, tale fattore potrebbe chiaramente essere visto come una forzante durante un periodo di intenso riscaldamento globale anche su scale temporali più grandi, il grafico qui sovrastante che rappresenta il numero delle macchie solari medio, potrebbe avvalorare tale tesi.
    Ricordo inoltre che circa 7000-8000 anni fa (5000-6000 a.c.) vi fù una piccola glaciazione propio in corrispondenza ad un periodo relativamente lungo di bassa attività solare analogo a quello che comprende i minimi di Mauder e Dalton.”

    In questo grafico rappresenta l’intensità dei cicli solari (numero delle macchie solari) negli ultimi 400 anni.
    http://www.sott.net/image/image/9350/SunSpotCnt.jpg

    Flavio Scolari…Meteogelo

      (Quote)  (Reply)

  5. quel grafico li bora ho poca attendibilità, è una ricostruzione storica basata su una sottrazione tra due valori, niente di più complicato.

      (Quote)  (Reply)

  6. Personalmente non ho preso l’affermazione di Simon sugli inverni alla lettera, perchè ho capito che cosa intendesse: non tre, ovviamente, ma una serie di inverni mediamente più freddi di quelli degli ultimi anni.

    Sulla neve ed il freddo, non sono del tutto d’accordo con te. Se parliamo dell’Italia, la tua affermazione può essere più o meno vera, a seconda della regione climatica (Pianura Padana, Tirreno, Adriatico) ed a seconda delle circostanze:

    per esempio, le nevicate lungo il versante adriatico sono di norma accompagnate da una sensibile diminuzione di temperatura e da freddo intenso (relativamente alla media delle temperature della zona), essendo dovute tipicamente ad irruzioni di aria fredda continentale di origine russa. Per esperienza personale, negli inverni normali (rispetto alla media trentennale), in pieno inverno (gennaio/febbraio) si scende tranquillamente a qualche grado sotto lo zero anche di giorno, persino in pianura.
    Tieni sempre conto che stiamo parlando di località a livello del mare in area mediterranea, non nell’Europa continentale.

    Le nevicate in Pianura Padana, invece, sono solitamente (ma non sempre, vedi febbraio 1991) dovute ad un cuscinetto freddo preesistente, su cui scorre aria più mite e per questo assomigliano di più a ciò che affermi, cioè il cuscinetto tende progressivamente a riscaldarsi.

    E’ ovvio, in generale, che il freddo più intenso, a parità di condizioni, si ha con cielo sereno ed assenza di vento, a causa del forte irraggiamento che ne deriva.
    Ma, al posto tuo, sulla neve io non generalizzerei. Ho visto nevicare, in montagna e qualche volta persino in Pianura Padana, con -4, -5 e anche -10 (1991) ed oltre che, per le nostre latitudini, non è male.

      (Quote)  (Reply)

  7. Propongo un gioco.
    Come x i fagioli Vediamo chi si avvicina di piu’ al ssn che conteggera’ il noa
    appena la regione nel behind entrera’ nel visibile.
    Simon la 1024 che mi hai postato qualche giorno fa’ quanto ha fatto contare appena e’ entrarta nel visibile?

      (Quote)  (Reply)

  8. per farlo bisognerebbe avere una immagine del continuum, cosa che non sempre c’è.
    anche se in passato spesso ci ho preso sul NOAA, l’incognita è invece il SIDC, con catania in gioco non sai mai cosa e quanto conterà.

      (Quote)  (Reply)

  9. Comunque a parte tutte le critiche che si possono fare a questo sito (veramente poche).
    E’ indubbio che chiunque speri di non continuare a vivere le situazioni metereologiche degli ultimi 20 anni.IL bello del nostro clima è sempre stato la variabilità e situazioni sempre piu’ assidue di blocco anticlonico non entusiasmano certo chi osserva il clima.
    La mia modesta opinione sul riscaldamento globale è che Gaia sia un sistema molto
    complesso e che l’uomo sia si responsabile del suo inquinamento e distruzione,ma che sia responabile solo in parte del suo riscaldamento.
    Quindi ogni sforzo per inquinare di meno è ben visto, ma enfatizzare il GW è dannoso quanto negarlo.E’ di oggi l’articolo di repubblica proprio sul rimboschimento massiccio che è avvenuto negli ultimi 60 anni in Italia e il resto d’Europa.
    Basta vedere come erano disboscate le nostre montagne nel dopoguerra quando la legna era ancora il principale combustibile.
    Quindi è naturale che un sito del genere attragga in maggioranza persone speranzose di ritornare a vivere i fasti degli inverni degli anni 70 e 80,quando per esempio io a Bologna andavo regolarmente in bob sulle colline.Pensate che a Loiano a 700 m,per alcuni inverni avevano anche improvvisato uno skilift,e non eravamo certi in una peg.Polemizzare sul sito mi sembra solo nocivo per tutti.

      (Quote)  (Reply)

  10. Certo programma carinissimo e utile. Ho scaricato anche l’add-on con il Sitema Solare e ti confermo della partita a bocce.
    Quindi niente incontri ravvicinati con corpi estranei all’interno del Sistema Solare, questo è certo.
    Ti dico di più, schizzerebbero via molti satelliti anche con un corpo oltre Sedna delle dimensioni gioviane in orbita ellittica.
    Resta una sola ipotesi, a mio avviso, oltre la nube di Oort o appena dentro, a 1.5/1.7 anni luce dal Sole, per avere un corpo capace di influenzare anche l’attività solare elettromagneticamente senza disturbare però il moto di tutti i pianeti in modo sensibile.
    Questi due sono i modelli da creare!!!
    Ci sarebbe una terza ipotesi (Proxima Centauri) te ne parlo in privato se vuoi seno andiamo troppo offtopic.

      (Quote)  (Reply)

  11. sbagli,a dire il vero qualcosa con dimensioni simili se non più a quelle di Giove è stato fotografato dall’IRAS nell’83,ti avevo anche mostrato l’articolo con tanto di sequenza fotografica non ricordi?
    cmq che programma utilizzi?
    Alex

      (Quote)  (Reply)

  12. Io non ho mai creduto alla semplificazione fatta dai media .. ovvero +CO2 = +Caldo.
    Questo perché semplicemente allo stato attuale si riescono a fare previsioni meteo abbastanza affidabili solo per 3 o 4 quattro giorni. No riesco davvero a concepire quanto possa essere difficile prevedere a grandi linee come sarà il tempo tra 20 o 30 anni. Al massimo potremmo dire che in inverno farà freddo e l’ estate calda e che la primavera e l’ autunno saranno più piovose … queste cose mi sembra che le sappiano un pò tutti … ma non credo che potremmo dire altro !

    Quando sento parlare di catastrofi sconvolgimenti causati dal solo aumento della CO2 mi incavolo … nessuno pensa alle deforestazioni, all’ antropizzazione di aree vergini alla cementificazione selvaggia delle zone urbane che aumenta vertiginosamente nelle zone industrializzate …

    Non si notano i problemi evidentissimi che abbiamo vicino casa … come inceneritori che non sono costruiti bene , traffico assurdo, scorie nucleari, fiumi e laghi inquinati da scarichi illegali, un sistema di smaltimento dei rifiuti gestito spesso e volentieri dalla malavita … e di parla di effetto serra, CO2, Buco dell’ ozono e Global Warming …
    Cominciamo a sporcarci le mani con i problemi reali e a trovare un modo intelligente per risolvere questi problemi concreti e ben visibili… e poi parliamo pure del sesso degli angeli e del Global Warming causato dalla CO2 e da CFC.

    Invece questi argomenti un pò misteriosi hanno sempre la priorità su tutto il resto … il dubbio che tutto questo bombardamento mediatico si provocato da qualcuno é molto forte!

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.