Il Sole si è fermato a Eboli…

1La regione 1026 ha già preso un numero dall’osservatorio di Catania, quindi per il sidc la serie finisce a 19.

Non aggiornano i sat Continum , l’unica immagine disponibile che abbiamo è questa:

2

La macchia c’è, visibile già da stamane.

Serie interotta proprio allo scadere, lo avevo già messo in preventivo.

Simon

Hatena Bookmark - Il Sole si è fermato a Eboli…
Share on Facebook
[`google_buzz` not found]
[`yahoo` not found]
[`livedoor` not found]
[`friendfeed` not found]
[`tweetmeme` not found]

45 pensieri su “Il Sole si è fermato a Eboli…

  1. Simon aiutami a capire quando si puo parlare di flusso solare basso o medio o alto.Sono ignorante in questo campo.A che valore bisogna arrivare per parlare di flusso normale’?Che valori C”erano negli anni 90? e i primi anni 2000?

      (Quote)  (Reply)

  2. Grazie Ale 🙂 ma la mia teoria è molto semplice anche se non so fino a che punto corretta visto che non sono un fisico solare comunque, come ha scritto già qualcun altro qui su nia, il sole è in fase di stanca il solar flux bassissimo però non è immobile e una volta immagazzinata la forza sufficiente produce una sunspot per poi ricominciare il ciclo daccapo.

    Un altra cosa che ho notato e che le regioni che si formano vanno via via a perdere forza da una all’altra e quest’altro fattore mi fa pensare che Lingston-Penn e Niroma abbiano perfettamente ragione quando dicono che le macchie spariranno nei prossimi anni, oltretutto non si è ancora estinta l’attività del ciclo 23 quindi sono più o meno tre anni che questi due cicli coesistono e fin li nulla di strano o forse no però, quello che mi lascia perplesso, è che si dovrebbe assistere a una lenta ma inesorabile risalita dei sunspot se fossimo in un ciclo che deve volgere verso un massimo invece, mi sembra una situazione di stallo o addirittura una diminuzione costante dei sunspot del nuovo ciclo nel senso che dall’anno scorso ad oggi non ci sono stati aumenti apprezzabili e tutti gli indici si mantengono sempre su valori bassini anche in presenza di regioni particolarmente attive e poi che fine hanno fatto le grandi cme non se ne vede una da non so quanto tempo.

    Questi sono i fattori che mi fanno credere in in minimo Maunder imminente o forse non lo sappiamo, ma ci siamo già e, a tal proposito mi piacerebbe tanto avere dei dati di quel periodo per fare dei raffronti ma non penso che la situazione fosse tanto diversa da quella attuale e anche un minimo Dalton mi sento di escluderlo per le ragioni suddette comunque vedremo come si evolve anche se è un anno che lo dico ma non succede niente e forse il bello è proprio quello … 🙂

    Dal punto di vista climatico non mi sbilancio ancora …. Saluti

      (Quote)  (Reply)

  3. allora,
    io direi di dividere così:
    Flusso estremamente basso: sotto i 65 ( accaduto solo nell’estate 2008 )
    Flusso bassissimo: sotto i 70
    Flusso basso: tra i 70 e gli 80
    Flusso medio: tra gli 80 e i 100
    Flusso alto, tra i 100 e i 150
    Flusso altissimo: tra i 150 e i 200
    Flusso estremamente alto: oltre i 200

      (Quote)  (Reply)

  4. Ciao Andrea, la teoria dello “starnuto” solare l’ho paventata anch’io a Simon osservando che, effettivamente, il sole sembra raccogliere le energie fino ad arrivare a produrre qualche macchietta e poi ripiomba nella totale immobilità.
    Devo dire però che questa volta, secondo me, abbiamo avuto fortuna in quanto la AR 1026 mi è sembrata molto più attiva nel lato non visibile di quanto non lo sia adesso; probabile che di sunspot ce ne fossero anche altre.
    Bruno

      (Quote)  (Reply)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

You can add images to your comment by clicking here.

Aggiungi una immagine

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.